Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'appuntamento in chat era una trappola, picchiato e rapinato

L'appuntamento in chat era una trappola, picchiato e rapinato

Disavventura per un savonese, all'ospedale con trauma cranico

GENOVA, 24 gennaio 2023, 17:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si è trasformata in un incubo la serata romantica di un quarantenne savonese che aveva conosciuto un'avvenente signora in un sito per adulti. L'uomo infatti è stato rapinato e picchiato da una coppia. Il savonese dopo aver conosciuto la donna in una chat si era accodato per incontrarla a Varedo, comune della provincia di Monza Brianza, ma arrivato all'appuntamento ha scoperto che la signora era ben diversa dalla foto online. Di fronte alle sue rimostranze la donna, una 32enne, ha chiamato un amico che ha frantumato il vetro dell'auto del savonese. I due poi lo hanno aggredito con calci e pugni rubandogli il portafogli e sottraendo 100 euro prima di scappare. Al povero malcapitato non è rimasto che rivolgersi al pronto soccorso dell'ospedale Niguarda dove i medici gli hanno riscontrato un trauma cranico dimettendolo poi con una prognosi di 20 giorni.
    All'uomo non è rimasto che sporgere denuncia ai carabinieri della compagnia di Desio che dopo veloci accertamenti sono risaliti alla reale identità della donna, già conosciuta dalle forze dell'ordine per i suoi precedenti per droga. I militari sono ora al lavoro per identificare anche il complice, non escludono infatti la possibilità che l'aggressione sia stata pianificata.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza