Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sequestrato Rubens, indagine su ufficio Soprintendenza Pisa

Sequestrato Rubens, indagine su ufficio Soprintendenza Pisa

Struttura chiusa nel 2019 per altre certificazioni irregolari

GENOVA, 03 gennaio 2023, 17:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si allarga l'inchiesta della procura di Genova che ha portato al sequestro del 'Cristo risorto appare alla Madre', attribuito al pittore fiammingo Rubens ed esposto fino a tre giorni fa a palazzo Ducale. Nel mirino degli investigatori del Nucleo tutela patrimonio culturale è finito l'ufficio esportazione della sovrintendenza di Pisa, l'ente che rilasciò la certificazione per l'esportazione del dipinto. L'ufficio è stato chiuso dal ministero dei Beni culturali nel 2019 perché ci sarebbero state irregolarità nel rilascio di altre certificazioni per altre opere. Secondo gli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero Eugenia Menichetti e dall'aggiunto Paolo D'Ovidio i due mercanti d'arte indagati potrebbero essersi rivolti proprio a quell'ufficio a Pisa perché amici di qualche dipendente compiacente. Secondo quanto ricostruito dai militari, guidati dal maggiore Alessandro Caprio, l'opera era di proprietà della nobile famiglia Cambiaso di Genova. Gli eredi avevano provato a venderla, sapendo la reale attribuzione, senza riuscirci. Erano poi riusciti a cederla, nel 2012, ai due indagati per 350 mila euro. I due mercanti l'avevano fatta restaurare nel 2014, facendo emergere la seconda figura di donna e avevano fatto uscire il dipinto dichiarando falsamente, all'ufficio esportazione della Sovrintendenza di Pisa, che era di un anonimo autore fiammingo e che valeva 25 mila euro. Dopo una serie di passaggi a società estere, create da un commercialista e dal figlio e anche loro indagati, il quadro è stato prestato per la mostra, secondo gli inquirenti, "anche per certificarne la paternità di Rubens e aumentarne il valore".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza