Crisi: chiesa Genova,rischio neo schiavismo per nuovi poveri

Politica governi economia anche con strumenti coercitivi

(ANSA) - GENOVA, 23 GEN - «Nuove povertà emergono. Lavoratori sfruttati perché precari, sottopagati e trattati con forme di neo schiavismo». Lo scrive don Massimiliano Moretti, cappellano del lavoro e responsabile del Percorso di formazione politica della diocesi di Genova, pensando anche ai riders. «Nel prossimo futuro - dice il sacerdote - gli eccellenti si sceglieranno il lavoro e saranno pagati profumatamente, mentre i normali, vivranno di redditi di assistenza. La Politica intervenga rapidamente!». «Nella mia parrocchia - ha detto all'ANSA don Moretti, - stanno aumentando le persone che vengono a chiedere aiuto perché hanno perso il lavoro e temono di perdere la casa perché non possono più pagare il mutuo, l'affitto e le bollette".
    Per il sacerdote, il problema non è come mangiare, grazie alle associazioni che distribuiscono pasti, "il vero problema che rischia di esplodere a breve è quello degli alloggi. Dall'inizio del lockdown, sono state almeno dieci le persone che Non mi era mai capitato". Il parroco di Santa Zita, sottolinea anche che sono diversi i commercianti costretti a chiudere perché non riescono più a pagare l'affito del fondo dove hanno l'attività per il calo degli incassi legati alla pandemia. «Come ha denunciato il Papa nell'enciclica 'Fratelli tutti' - ha concluso - la politica deve tornare a governare il mercato. Questo non vuol dire mettersi contro il mercato ma è necessario che governi economia e finanza a livello internazionale con organismi che abbiano poteri coercitivi e non solo esortativi. Servono persone con cuore grande che sappiano fare scelte di giustizia». (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie