Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Viterbo duemila in marcia contro il deposito scorie nucleari

A Viterbo duemila in marcia contro il deposito scorie nucleari

Presenti anche i 60 sindaci della Tuscia

ROMA, 25 febbraio 2024, 14:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Erano oltre duemila le persone che questa mattina hanno partecipato alla manifestazione 'Tuscia in Movimento - Marcia contro il deposito di scorie nucleari' che si è svolta in provincia di Viterbo. I quattro diversi gruppi partiti da Corchiano, Vasanello, Vignanello, Gallese, si sono ritrovati prima in piazza del Bersagliere, a Corchiano, e poi hanno raggiunto il monumento naturale di Pian Sant'Angelo, dove tutti i partecipanti si sono ritrovati.
    Presenti alla marcia sessanta sindaci del Viterbese, tra cui la sindaca di Viterbo Chiara Frontini e quello ospitante Gian Franco Piergentili di Corchiano. Presenti anche i consiglieri regionali Enrico Panunzi (PD) e Daniele Sabatini (FdI), con quest'ultimo che ha portato i saluti del presidente regionale Francesco Rocca, e il Vescovo di Civita Castellana Marco Salvi.
    "Questo è un territorio che ha già dato molto - ha detto la prima cittadina viterbese, Frontini - non possiamo continuare ad accettare in maniera passiva. Le fasce tricolori rappresentano una nazione che non può tradire la Tuscia". A ribadire il secco no della Tuscia al deposito scorie anche il consigliere regionale Panunzi: "E' tempo di iniziare una nuova strada - ha detto il consigliere -. Quello che succede attorno a questo deposito è inquietante. E oggi siamo qui per dire che non obbediamo e non obbediremo a Sogin".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza