Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Tarquinia Lido è iniziato abbattimento dei 65 pini storici

A Tarquinia Lido è iniziato abbattimento dei 65 pini storici

Nonostante tre pareri contrari della Soprintendenza, 'è scempio'

ROMA, 20 febbraio 2024, 15:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' iniziato a Tarquinia Lido - deciso dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Alessandro Giulivi - l'abbattimento dei 65 pini 'storici' che costeggiano Viale Mediterraneo, uno dei viali principali della zona marittima. Tre pareri contrari espressi dalla Soprintendenza Archeologica delle Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l'Etruria meridionale, e la mobilitazione delle associazioni civiche Assolidi, La Lestra, Demos23 e Semi di Pace, non sono bastati per fermare quello che viene definito dagli oppositori del taglio come uno "scempio ambientale e paesaggistico" che cambierà per sempre le sembianze del Lido.
    Ieri le associazioni avevano lanciato un appello al governatore del Lazio Francesco Rocca, con una lettera aperta diffusa dai media, affinchè fermasse la condanna a morte dei 65 pini di Viale Mediterraneo il cui manto stradale, in base alle perizie degli esperti, poteva essere rimesso a posto senza il sacrificio di questi alberi dei quali è attestato da una perizia dello stesso Comune di Tarquinia l'ottimo stato di salute.
    "L'ingiustificata azione di forza dell'Amministrazione Comunale - sottolineano i consiglieri comunali di opposizione del Pd - ha scatenato un'ondata di critiche e la minaccia di azioni legali da parte delle associazioni locali, intente a salvaguardare il patrimonio naturale di Tarquinia mettendo in luce, ancora una volta, una preoccupante mancanza di considerazione per le procedure democratiche e per l'importanza di una pianificazione urbana rispettosa dell'ambiente".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza