Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Ricatti e sessismo', al Teatro di Roma scatta l'audit interno

'Ricatti e sessismo', al Teatro di Roma scatta l'audit interno

Siciliano: 'Pronto a coinvolgere gli avvocati'. Attori in assemblea

ROMA, 12 febbraio 2024, 19:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Minacce, mobbing, intimidazioni, ma anche volgarità sessiste nei confronti delle lavoratrici: un clima irrespirabile quello del Teatro di Roma secondo le accuse delle maestranze della Fondazione capitolina finite sulle pagine dei giornali. Il presidente del Teatro di Roma Francesco Siciliano vuole vederci chiaro e ha avviato un audit interno per fare luce su quanto è stato denunciato da lavoratori e sindacati.
    "Ho convocato per domani l'Organo di Vigilanza del Teatro di Roma - fa sapere all'ANSA - per verificare e valutare la situazione all'interno della struttura, dopo gli articoli usciti sugli organi di informazione in questi giorni. E' una iniziativa - aggiunge - che in quanto presidente della Fondazione Teatro di Roma assumo a tutela e garanzia della Fondazione e di tutti quelli che vi lavorano".
    Da quanto emerso da una inchiesta di Fanpage di qualche giorno fa, infatti, tra i lavoratori dello spettacolo del Teatro di Roma - che gestisce l'Argentina, l'India, il Torlonia e presto anche il Valle - si respirerebbe un'aria pesantissima fatta di insulti, minacce, ricatti e sessismo. Tanto da spingere anche il Pd della Camera ad annunciare un'interrogazione al ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano. Anche perché questa situazione, affermano i dem, "pare essere determinata dall'atteggiamento di Libersind, un sindacato autonomo di destra che organizza tutto il comparto del cosiddetto palcoscenico".
    Il presidente Siciliano ha espresso dunque la volontà di fugare ogni dubbio: "Ho intenzione - spiega ancora oggi - di sottoporre all'Organismo e allo stesso Consiglio di amministrazione la possibilità di affiancare in questo lavoro uno studio legale di primaria importanza perché sia svolto un audit serio e approfondito che accerti in maniera terza i fatti".
    Il caso del presunto mobbing al Teatro di Roma arriva a valle della polemica politica sulla governance della Fondazione.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza