Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Santa Cecilia, Jakub Hrůša tra leggende e preghiere bo

Santa Cecilia, Jakub Hrůša tra leggende e preghiere bo

Direttore ospite 20 aprile sul podio per brani Dvořák e Jan

ROMA, 18 aprile 2023, 14:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Jakub Hrůša, direttore ospite principale dell'Accademia di Santa Cecilia, torna sul podio giovedì 20 aprile alle 19.30 - repliche il 21 aprile alle 20.30 e il 22 alle 18, Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone - per dirigere l'orchestra e il coro nel suo secondo concerto di stagione, interamente dedicato a compositori della sua terra.
    Hrůša, che è anche direttore principale dei Bamberger Symphoniker, recentemente è stato nominato nuovo direttore musicale del Covent Garden di Londra. Il maestro ceco aprirà la serata con il Te Deum di Dvořák per soli, coro e orchestra, composizione in cui il coro, istruito da Piero Monti, è protagonista assoluto, mentre i soli emergono solo nel secondo movimento e nel finale. Il brano fu composto ed eseguito nel 1892 per commemorare il 400° anniversario della scoperta dell'America. Seguirà la n. 6 delle Dieci leggende op. 59 di Dvořák. Quindi sarà la volta di due composizioni di Janáček, Il Vangelo eterno (Leggenda per soprano, tenore, coro e orchestra) e la rapsodia per orchestra Taras Bul'ba, ispirata al romanzo di Gogol. I solisti in scena sono il soprano Kateřina Kněžíková, il tenore Nicky Spence, al suo debutto ceciliano, e il basso Vito Priante.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza