Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Elisir d'amore apre il nuovo anno dell'Opera di Roma

L'Elisir d'amore apre il nuovo anno dell'Opera di Roma

L' 11 gennaio, in scena Aleksandra Kurzak e John Osborn

ROMA, 04 gennaio 2023, 15:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due star del belcanto come il soprano Aleksandra Kurzak e il tenore John Osborn sono i protagonisti dell'Elisir d'amore di Gaetano Donizetti, con cui il Teatro dell'Opera di Roma apre dall'11 gennaio gli spettacoli del nuovo anno. Sul podio Francesco Lanzillotta, al debutto nel teatro della sua città.
    Lo spettacolo, firmato da Ruggero Cappuccio, è stato proposto per la prima volta al Costanzi con grande successo di pubblico nel 2011, e poi ripreso nel 2014. "L'Elisir d'Amore racconta in musica come gli esseri umani non amino mai ciò che hanno, ma amino ciò che a loro manca - dice il regista e scrittore napoletano -. D'altronde tutta la storia della lirica può essere ricondotta ad una triade: un lui, una lei ed un impedimento". L' opera del compositore lombardo è una delle più rappresentate e conosciute, ricorda Lanzillotta.
    Nell'opera donizettiana è Adina la "regista" sentimentale: respinge il corteggiatore Nemorino costringendolo a ricorrere a un filtro magico che, benché fasullo, si rivelerà "fatalmente" efficace. Adina è interpretata dal soprano polacco Aleksandra Kurzak, per la prima volta all'Opera di Roma. Accanto a lei nei panni dell'innamorato Nemorino il tenore americano John Osborn, amatissimo dal pubblico italiano e romano. Francesco Lanzillotta, che negli ultimi anni ha diretto in prestigiose istituzioni musicali italiane ad europee, debutta nella capitale con un titolo che già ha proposto con successo al Macerata Operata Festival nel 2018. Aleksandra Kurzak si alterna con Ruth Iniesta (12 e 14 gennaio), John Osborn con Juan Francisco Gatell (12 e 14 gennaio). Alessio Arduini e Vittorio Prato (12 e 14 gennaio) saranno il sergente Belcore (12 e 14 gennaio); l'imbonitore Dulcamara, che elargisce il "miracoloso" elisir d'amore, sarà interpretato da Simone Del Savio e Davide Giangregorio (12 e 14 gennaio). Giulia Mazzola sarà Giannetta.
    Il Coro della fondazione capitolina è istruito da Ciro Visco.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza