Lazio
  1. ANSA.it
  2. Lazio
  3. Operati in utero gemellini con rara patologia, stanno bene

Operati in utero gemellini con rara patologia, stanno bene

Intervento al Gemelli di Roma ad aprile scorso, nati il 6 luglio

(ANSA) - ROMA, 23 SET - E' stato eseguito al Policlinico Gemelli di Roma un delicato intervento in utero a 26 settimane di vita fetale per una coppia di gemellini con una grave e rara patologia, la sindrome da trasfusione feto-fetale. L'intervento risale ad aprile scorso, sono nati con taglio cesareo a 35 settimane il 6 luglio; oggi hanno due mesi e mezzo di vita e godono di ottima salute. Era una gravidanza gemellare monocoriale (due gemelli con una sola placenta) e biamniotica (e due sacchi amniotici). .
    L'intervento è stato effettuato in occasione dell'apertura del primo centro di chirurgia fetale dell'ospedale da una équipe composta soprattutto di donne, tra cui Elisa Bevilacqua, tornata a Roma dopo 7 anni di esperienza a Bruxelles, dove ha lavorato sotto la guida del professor Jacques Jani, guru della chirurgia fetale, che ha partecipato all'intervento.
    Le gravidanze gemellari monocoriali comportano un rischio molto più elevato di mortalità e morbilità rispetto alle gravidanze gemellari dicoriali (due placente per i due gemelli).
    "E' dovuto - spiega Bevilacqua - alla presenza di comunicazioni tra le due circolazioni fetali, che avviene attraverso dei vasi speciali (anastomosi). Normalmente il sistema di scambio di sangue attraverso queste anastomosi è bilanciato, cioè avviene in modo 'equo' tra i due feti, ma ci sono casi in cui il sangue va in misura maggiore da un gemello verso l'altro, determinando uno sbilanciamento dal punto di vista emodinamico e l'insorgenza della cosiddetta sindrome da trasfusione feto-fetale". Il gemello detto "donatore" "si impoverisce di sangue (ipovolemico), con conseguente ridotta produzione di urina (oliguria) che porta ad una riduzione di liquido amniotico nel sacco nel quale è contenuto (oligoanidramnios)", spiega Belivacqua. Il gemello "ricevente" al contrario "si arricchisce troppo di sangue nella sua circolazione (ipervolemia), e facendo tanta pipì nel sacco amniotico sviluppa la complicanza detta polidramnios poliurico (il liquido amniotico nel suo sacco aumenta)". Se la sindrome da trasfusione feto-fetale non è trattata, il rischio di perdere entrambi i gemelli è del 95%.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Muoversi a Roma


      Modifica consenso Cookie