A 4 anni sisma Amatrice riparte con la pasta

Comitato agricoltori locali unisce il bio a voglia di rinascita

(di Agnese Malatesta) (ANSA) - ROMA, 21 AGO - Pasta bio dal doppio sapore, quello della tradizione dei grani antichi e del lavoro solidale di una comunità. A quattro anni dal disastroso terremoto che ha colpito Amatrice, un prodotto della terra diventa il simbolo della rinascita possibile. Frutto di un comitato nato per iniziativa di agricoltori locali pochi giorni dopo il sisma, chiamato 'Amatrice Terra Viva', che ha da subito condiviso con i concittadini un percorso che ora sta raccogliendo i primi risultati.
    Tutto comincia la notte del 24 agosto 2016 quando la cittadina laziale si è trovata ad affrontare il disastro umano, sociale ed economico causato dal terremoto. Ancora in piena emergenza, nasce 'Amatrice Terra Viva', ora impresa sociale (ne fanno parte 14 aziende agricole della zona), con l'obiettivo di mettere a punto e realizzare - spiega il presidente Adelio Di Marco - un progetto che potesse offrire prospettive di una rinascita e di un futuro partendo dalla terra, quella rigorosamente del territorio amatriciano. Prende vita il progetto '100 Ettari di Terra Via' che punta a creare una filiera agricola biologica in modo da valorizzare la vocazione cerealicola dei grani antichi della zona. Ad ottobre 2016, ancora nel pieno delle scosse, delle strade interrotte, degli alloggi di fortuna, un gruppo di agricoltori decide di arare la terra e seminare farro e un grano tenero antico, il solina. Diversi i compagni di viaggio che sostengono, a vari livelli, i coraggiosi agricoltori di Amatrice: Legambiente, Alce Nero e Etimos Foundation.
    La pasta bio 'Amatrice Terra Viva', che deriva da questo progetto comunitario, è sul mercato da pochi giorni. E' solo l'inizio. Intanto, 'Amatrice Terra Viva' ha ottenuto la certificazione bio e ha richiesto alla Regione Lazio l'istituzione di un Bio-Distretto così da coordinare le attività agricole, commerciali, turistiche e sociali del territorio per un rilancio economico in una zona ancora in difficoltà (www.amatriceterraviva.it). Domenica 30 agosto, in mattinata, saranno inaugurati i nuovi uffici del consorzio, alla presenza del vescovo di Rieti, Domenico Pompili. Un'occasione per assaggiare la nuova pasta, rigorosamente con sugo all'amatriciana (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma



        Modifica consenso Cookie