Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto con auto nel canale, indagati i due amici ventenni

Morto con auto nel canale, indagati i due amici ventenni

Dovranno rispondere di omicidio stradale e omissione soccorso

GEMONA, 21 febbraio 2024, 11:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Procura della Repubblica di Udine, ricevuti gli atti dai carabinieri della Compagnia di Tolmezzo, ha aperto un fascicolo per omicidio stradale nei confronti dei due coetanei che si trovavano in auto con il 20enne Matteo Pittana, morto in un incidente stradale domenica notte a Gemona. L'auto su cui viaggiavano i tre è uscita di strada ed è finita in un canale.
    Le indagini dovranno accertare chi si trovasse effettivamente alla guida del veicolo e perchè, pur chiedendo aiuto agli abitanti delle case nei dintorni - i loro telefonini erano fuori uso -, i due giovani, seppur sotto choc e leggermente feriti, non abbiano avvisato del fatto che nella macchina imprigionata nell'acqua ci fosse una terza persona.
    Per questa ragione, per entrambi c'è stata anche l'iscrizione nel registro degli indagati per omissione di soccorso. Il tasso alcolemico del ragazzo che si presume fosse alla guida era sensibilmente oltre i limiti: per questo è stata contestata anche l'ebbrezza.
    Decisiva sarà l'autopsia, già disposta, a cui potranno partecipare i periti degli indagati: l'esame dovrà accertare se la morte sia stata causata dai traumi nell'uscita di strada o dall'annegamento.
    Le indagini dei carabinieri dovranno anche verificare la copertura assicurativa del veicolo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza