Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

All'ospedale Bufalini di Cesena arriva il robot 'Da Vinci XI'

All'ospedale Bufalini di Cesena arriva il robot 'Da Vinci XI'

Donazione da oltre un milione mezzo da Orogel e Amadori

CESENA, 23 febbraio 2024, 18:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La chirurgia robotica più avanzata è ufficialmente entrata nelle sale operatorie dell'ospedale Bufalini di Cesena. Grazie al significativo contributo di oltre un milione e mezzo di euro donato dalle aziende Amadori e Orogel, ha fatto il suo ingresso nel blocco operatorio dell'ospedale cesenate il nuovo sistema robotico Da Vinci XI, l'ultima evoluzione della chirurgia mininvasiva che permette al chirurgo, seduto a una consolle, di operare 'manovrando' a distanza 4 braccia robotizzate.
    Entrato in funzione a inizio dicembre con i primi interventi in campo urologico, il suo utilizzo è stato via via implementato e oggi viene impiegato per le procedure chirurgiche più complesse (soprattutto oncologiche) dall'Urologia, dalla Chirurgia Generale e d'urgenza, dalla Ginecologia e dalla Chirurgia a degenza breve: il suo vantaggio è quello di aumentare la precisione del chirurgo, garantendo libertà dei movimenti, maggior facilità di accesso negli spazi anatomici più difficili e incisioni ridotte. Questo per i pazienti si traduce in tempi di recupero più rapidi con una degenza più breve.
    Il robot Da Vinci XI traduce i movimenti del chirurgo in modo intuitivo, consentendo un controllo completo della fibra ottica e dello strumentario, evitando i complessi movimenti laparoscopici e permette una reale visione tridimensionale del campo operatorio: il chirurgo viene letteralmente "immerso", senza ausilio di occhiali o altre apparecchiature, così da valutare al meglio i piani di dissezione anatomici e "vivere" l'intervento chirurgico quasi dall'interno del corpo del paziente.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza