Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Naufragio: quattro salme partite per Bologna nella notte

Naufragio: quattro salme partite per Bologna nella notte

Dovrebbero partirne altre 21 ma familiari ci avrebbero ripensato

CROTONE, 09 marzo 2023, 10:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono quattro le salme di migranti morti nel naufragio del 26 febbraio a Steccato di Cutro partite nella notta da Crotone alla volta del cimitero islamico di Bologna. In base all'accordo raggiunto ieri dalla Prefettura con i familiari dei migranti, dovrebbero partirne altre 21, ma nelle ultime ore sono nate delle incertezze sul numero effettivo delle bare che saranno trasferite. Alcuni familiari che in un primo momento avevano detto sì, adesso ci starebbero ripensando perché, dicono, non avevano compreso appieno il senso del trasferimento.
    La decisione di portare le salme a Bologna, era stata presa ieri dal Viminale come "soluzione provvisoria e non definitiva", per "dare immediata dignità alle salme" anche perché "in Afghanistan non è semplice procedere nell'immediato al rimpatrio", visto il regime talebano al governo. Decisione che aveva provocato la protesta dei familiari, poi rientrata dopo l'opera di mediazione della Prefettura.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza