Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mostra fotografica itinerante racconta violenza sulle donne

Mostra fotografica itinerante racconta violenza sulle donne

Dal 28 febbraio 'Un rifugio tutto per sè' di Marika Puicher

BOLOGNA, 27 febbraio 2023, 13:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una mostra fotografica itinerante dedicata alle donne in stato di grave emarginazione e vittime di violenza, frutto di due anni di lavoro, cinque strutture di accoglienza coinvolte, più di trenta donne fotografate: dal 28 febbraio al 14 aprile il progetto fotografico di Marika Puicher 'Un rifugio tutto per sè' toccherà alcuni Comuni della provincia di Bologna (Castel di Casio, Marzabotto, Valsamoggia, Argelato) per approdare, il 29 marzo, al Palazzo Comunale del capoluogo, con ingresso libero e gratuito. Venticinque scatti per raccontare la violenza sulle donne e, soprattutto, su quelle che più di tutte sono vulnerabili: vittime di tratta, donne senza dimora, donne in case rifugio. La mostra è organizzata da MondoDonna onlus in occasione dell'8 marzo, giornata internazionale dei diritti della donna. Friulana di nascita, Puicher è specializzata in reportage a sfondo sociale e umanitario: si occupa soprattutto di diritti umani, questioni di genere e ambiente. Nel 2015 vince il Pride Photo Award con il progetto 'Ella (She)', nello stesso anno riceve la menzione d'onore ai Moscow International Foto Awards.
    Il racconto fotografico - ritratti, particolari, scorci significativi e momenti salienti della relazione d'aiuto - nasce da un'immersione in case rifugio, strutture antitratta e strutture accoglienza della grave emarginazione adulta. "Mi ha colpito tantissimo una delle ultime donne che ho incontrato in una delle strutture a bassa soglia: ho fotografato la sua schiena segnata da una profonda cicatrice. È stata lei a volere essere fotografata, per riappropriarsi del proprio corpo, più volte abusato e colpito, e poi per riemergere dai fantasmi del suo passato. Ascoltare la sua storia mi ha sconvolto", racconta la fotografa. "Questa donna è stata segregata in casa dal marito, che l'ha legata al letto e ripetutamente violentata. Ma nonostante quanto potesse essere spezzata, in tutti i sensi, era lì per condividere con me questo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza