Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Igor: moglie di una vittima chiede risarcimento allo Stato

Igor: moglie di una vittima chiede risarcimento allo Stato

Danno subito per la mancata espulsione del killer

BOLOGNA, 27 febbraio 2023, 06:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Come più volte annunciato, a sei anni dagli omicidi di Igor il Russo, Maria Sirica, la vedeva di Davide Fabbri, ucciso l'1 aprile 2017 a Riccardina di Budrio (Bologno) da Norbert Feher, ha chiesto allo Stato un risarcimento di 800mila euro per il danno subito a causa della mancata esecuzione dei provvedimenti di espulsione, datati 2010 e 2011, a carico dell'uomo che poi avrebbe ucciso suo marito. Ne dà notizia il Resto del Carlino.
    Il suo legale ha infatti redatto un atto di citazione nei confronti della presidenza del Consiglio e dei ministeri dell'Interno e della Giustizia nel quale sostiene la connessione fra la mancata espulsione e gli omicidi commessi poi nel 2017.
    La cifra è stata determinata sulla base della somma che il giudice stabilì che dovesse essere versata alla moglie e al padre della vittima (morto due anni fa), quando condannò Feher all'ergastolo il 25 marzo 2019. L'uomo, che era conosciuto con il soprannome di Igor il Russo, attualmente si trova in carcere in Spagna dove sta scontando l'ergastolo per altri delitti.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza