Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Uccide la madre soffocandola con il cuscino

Uccide la madre soffocandola con il cuscino

Per l'uomo è stata disposta una perizia psichiatrica

FERRARA, 23 febbraio 2023, 17:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un uomo di 52 anni, Sandro Biondi, ha ucciso la madre 80enne, Maria Luisa Sassoli, gravemente malata da anni, soffocandola nella sua casa di Ferrara con un cuscino. Dopo il gesto il 52enne ha chiamato la polizia per autodenunciarsi. 

La procura di Ferrara ha disposto l'autopsia sul corpo della donna, mentre Biondi sarà sottoposto ad una perizia psichiatrica. Durante l'interrogatorio di oltre due ore avvenuto in Questura a Ferrara, l'uomo ha ammesso di aver ucciso la madre soffocandola. Il 52enne è stato arrestato con l'accusa di omicidio e trasferito in carcere. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della polizia i due abitavano insieme in una casa popolare di Ferrara e la donna era ammalata da tempo. I vicini di casa hanno riferito di averli sentiti litigare spesso. Testimoni raccontano di averlo visto aspettare gli agenti sulla porta di casa, dicendo "non ce la facevo più". Concorde con la richiesta di perizia psichiatrica l'avvocata d'ufficio Monica Pedriali che ha confermato che i contorni dell'omicidio si collocano in "una situazione familiare molto difficile".

 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza