Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Donne detenute, una mostra fotografica le racconta a Bologna

Donne detenute, una mostra fotografica le racconta a Bologna

Gli scatti esposti nel carcere Dozza e in Assemblea Legislativa

BOLOGNA, 23 febbraio 2023, 16:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' un viaggio tra le sezioni femminili di tredici istituti penitenziari del Paese, (Roma, Milano, Bologna, Venezia, Firenze, Torino, Forlì, Trani, Reggio Calabria, Napoli, Palermo, Messina e Catania) quello intrapreso dall'obiettivo del fotoreporter ravennate Giampiero Corelli, da oggi e fino al 10 marzo in mostra a Bologna. "Domani faccio la brava" si articola in una doppia esposizione di fotografie: una prima parte al piano terra dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna (visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18) e una seconda all'interno della casa circondariale della Dozza (visitabile solo su invito).
    "Con la mostra di Corelli portiamo in Assemblea il tema della detenzione femminile. Le donne recluse sono molte meno degli uomini, ma purtroppo in questo meno si contano anche le opportunità di lavoro, di studio e di formazione, dentro e fuori la detenzione", sottolinea la presidente dell'Assemblea legislativa, Emma Petitti. "Questa mostra - spiega Giampiero Corelli - raccoglie le immagini del lavoro di fotoreportage che ho realizzato dal 2008 a oggi. Un affondo in un mondo fatto di sofferenza, ma anche di voglia di riscatto".
    All'inaugurazione questa mattina, tra gli altri, la direttrice della Dozza, Rosa Alba Casella: "Sono immagini di volti nei quali si coglie la sofferenza che non è legata solo alla detenzione, ma anche a tutte una serie di sentimenti che per le donne sono particolarmente pesanti. Prima di tutto il senso di colpa verso i figli, l'angoscia del distacco - commenta - Le immagini raccontano anche alcuni luoghi, che sono spesso pensati al maschile. Alla Dozza, le sezioni femminili sono ricavate in istituti che nascono per uomini e questo è sicuramente una difficoltà per le donne che rischiano di essere marginalizzate all'interno dello stesso contesto penitenziario".
    L'esposizione al carcere di Bologna conta anche di alcune gigantografie: "Abbiamo pensato - prosegue la direttrice - che mettere immagini molto grandi all'ingresso potesse essere un colpo d'occhio forte per chiunque varchi il carcere, operatori e visitatori".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza