Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Il profumo dei fiori dipinti', mostra per Festa della donna

'Il profumo dei fiori dipinti', mostra per Festa della donna

Fino al 10 marzo in sede Assemblea legislativa E-R a Bologna

BOLOGNA, 22 febbraio 2023, 15:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due epoche e tanti stili per rappresentare i fiori con la pittura: dai più classici, dipinti con colori a olio, ai più contemporanei, raffigurati con foto, pellicole trasparenti e colori acrilici. Con la mostra 'Il profumo dei fiori dipinti' l'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna celebra la Festa internazionale della donna per la ricorrenza dell'8 marzo: la collettiva, a cura di Sandro Malossini, inaugurata oggi, sarà aperta al pubblico fino al 10 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, con ingresso libero.
    L'esposizione è divisa in due parti: una raccoglie quadri della metà del Novecento, in cui il fiore era l'elemento decorativo, nell'altra ci sono opere contemporanee dove il fiore è al centro della ricerca stilistica dell'artista. Sono stati scelti i fiori perché proprio un fiore, la mimosa, è simbolo della Festa della donna. Nel 1946 furono Rita Montagnana (moglie di Palmiro Togliatti) e Teresa Mattei a proporre all'Unione donne italiane l'adozione della mimosa quale simbolo della 'Festa della donna' per ricordare le conquiste sociali delle donne ottenute dopo secoli di lotte e discriminazioni. La mimosa, infatti, è un fiore che cresce su molte varietà di terreno, anche le più aspre e dure. "La mostra vuole essere un omaggio dell'Assemblea legislativa alle donne e un monito a difenderne e riaffermarne i diritti nel solco della parità e dell'uguaglianza", dice il vicepresidente Fabio Rainieri. "I fiori - aggiunge Malossini - hanno sempre fatto parte della cultura visiva. Proprio come i fiori e il loro profumo l'auspicio è che anche questa mostra possa rimanere nella memoria di chi la visita".
    Nella collettiva sono presenti dipinti di Giuliano Amadori, Nino Bertocchi, Aldo Borgonzoni, Lea Coliva, Nino Corrado Corazza, Ferruccio Giacomelli, Ugo Guidi, Gino Marzocchi, Norma Mascellani, Antonio Maria Nardi, Germano Pessarelli, Alfredo Protti, Giovanni Romagnoli, Ilario Rossi, Bruno Saetti, Dino Boschi, Onorio Bravi, Roberta Dallara, Gabriele Lamberti, Piero Manai, Carlo Mastronardi, Mauro Mazzali, Alessandro Moreschini, Roberto Pagnani, Maurizio Pilò, Concetto Pozzati, Piermaria Romani, Leonardo Santoli, Giorgio Zucchini.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza