Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Circoncisione a un bambino, medico a processo per lesioni

Circoncisione a un bambino, medico a processo per lesioni

Urologo accusato di negligenza dalla Procura di Reggio Emilia

REGGIO EMILIA, 22 febbraio 2023, 12:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un medico è imputato per lesioni personali colpose che sarebbero state provocate da una circoncisione effettuata su un bambino a Vezzano sul Crostolo, nel Reggiano. La Procura di Reggio Emilia - come si legge sulla stampa locale reggiana - contesta al 55enne urologo di origine giordana, "negligenza, imprudenza e imperizia" e "in violazione delle linee guida e delle buone pratiche clinico assistenziali".
    I fatti risalgono al novembre 2016 quando il medico "fece un intervento chirurgico di circoncisione rituale" su un minore nato a Guastalla, che allora aveva quasi un anno e mezzo: al piccolo sono state diagnosticate "difficoltà minzionali" e "stenosi del prepuzio", con conseguenze di oltre 40 giorni. I genitori, di origine magrebina, hanno presentato la denuncia. Il sostituto procuratore Laura Galli, titolare del fascicolo d'inchiesta, nel maggio 2017 aveva chiesto un decreto di citazione diretta a giudizio senza passare attraverso l'udienza preliminare. Ieri si è aperto il processo davanti al giudice Francesca Piergallini che ha sentito un chirurgo pediatrico come testimone.
    Il processo è stato rinviato ad aprile quando in aula ci sarà l'esame dell'imputato e quattro testimoni della difesa.
    L'avvocato difensore Giuseppe Viggiani ha spiegato alla stampa che "la madre portò il bambino all'ospedale solo nel gennaio 2017. Prima di questo passaggio, il piccolo fu visitato dal pediatra di famiglia dopo l'intervento: non rilevò alcun problema".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza