Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Donne uccise, automobilista era in cura per problemi mentali

Donne uccise, automobilista era in cura per problemi mentali

Seguito da molti anni da cps. In 2 giorni uscito da due ospedali

MILANO, 21 febbraio 2023, 14:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Era in cura presso un centro psicosociale (cps) da diversi anni, pare addirittura che fosse seguito per problemi psichiatrici da fine anni '90, il 39enne, italiano di origine marocchina, che nella notte tra venerdì e sabato, verso le 2.30, ha travolto con la sua auto, alla barriera autostradale Ghisolfa sulla A4 Torino-Milano, la macchina con a bordo due donne, Laura Amato, 54 anni, e Claudia Turconi, 59 anni, morte nello schianto.
    E' quanto sta emergendo, attraverso testimonianze e acquisizioni di documenti, nelle indagini condotte dalla Polizia stradale di Novara e coordinate dal pm di Milano Paolo Filippini. Da ciò che risulta l'uomo, tra giovedì e venerdì scorso prima dell'incidente, è entrato e uscito da due ospedali, quello di Piacenza (vive con la moglie a Pontenure) e l'altro a Gallarate (Varese).
    Giovedì il 39enne, che aveva interrotto le terapie lo scorso anno, ha avuto una crisi e la moglie gli ha suggerito di andare in ospedale per farsi prescrivere dei farmaci. Ospedale di Piacenza dal quale, poi, se ne è andato. Stando agli accertamenti, è ricomparso venerdì all'aeroporto di Malpensa, dove avrebbe voluto prendere un volo con destinazione Marocco.
    Vedendo le sue condizioni, all'imbarco gli operatori hanno chiamato un'ambulanza e il 39enne è stato ricoverato a Gallarate (un braccialetto del ricovero strappato è stato trovato nella sua auto), ma anche da là se ne è andato. Avrebbe chiamato un cugino e si è fatto portare a riprendere la macchina a Malpensa.
    Il cugino gli ha consigliato di raggiungerlo a casa sua a Milano e di dormire da lui, ma l'uomo ha detto che era stanco. Si sarebbe fermato in una piazzola di sosta e poi ha ripreso a guidare fino allo schianto.
    Gli investigatori stanno verificando se nel corso di quel ricovero a Gallarate abbia assunto le benzodiazepine (è risultato positivo anche alla cannabis). E verifiche saranno effettuate anche in relazione al fatto che avesse ancora la patente valida, nonostante fosse seguito per i suoi problemi mentali.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza