Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto pittore Adelchi Mantovani, 'il sogno di Ferrara'

Morto pittore Adelchi Mantovani, 'il sogno di Ferrara'

Protagonista mostra al Castello Estense e al Mart di Rovereto

FERRARA, 18 febbraio 2023, 13:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È morto a 81 anni l'artista Adelchi Riccardo Mantovani, pittore ferrarese emigrato a Berlino ma sempre ispirato dal sogno di Ferrara. Lo ha reso noto l'Amministrazione comunale. Adelchi Mantovani aveva firmato lo scorso anno una mostra allestita al Castello Estense da Comune e Fondazione Ferrara Arte, con oltre un centinaio di opere, poi proposta al Mart di Rovereto, sempre per iniziativa di Vittorio Sgarbi. La sua singolare ricerca, tesa alla creazione di un mondo allegorico e fiabesco, affonda le radici nell'arte antica e raccoglie allo stesso tempo i suggerimenti delle più affascinanti correnti figurative del primo Novecento, dalla Metafisica di de Chirico alla Nuova oggettività tedesca, dal Surrealismo di Delvaux e di Magritte al Realismo magico. "Lo avevo conosciuto - ricorda il sindaco Alan Fabbri - tramite le sue opere, da cui traspare con evidenza l'amore per la sua terra, per la campagna ferrarese, per gli scenari fluviali interpretati e reinterpretati con quegli occhi di bambino che hanno marcato come tratto distintivo tutto il suo percorso artistico. Ha dato immagine e consistenza al suo sogno ferrarese, contemplato dalla Germania, dove era emigrato. La sua bambina seduta sulla pietra con le indicazioni della distanza da Ferrara, avvolta in un cappotto rosso, rimarrà una delle immagini più iconiche e più rappresentative dell'attrazione infinita che la nostra terra esprime in chi l'ha vissuta e in chi l'ha conosciuta".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza