Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Allarme presidi Bolognese, gesti autolesionismo alle medie

Allarme presidi Bolognese, gesti autolesionismo alle medie

Su TikTok video insegnano come farsi le cicatrici sul viso

BOLOGNA, 13 febbraio 2023, 06:52

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le presidi di due scuole medie di Bologna hanno scritto alle famiglie per avvisarle di una pericolosa moda che si sta diffondendo fra gli adolescenti. Si tratta della cosiddetta "cicatrice francese", un livido sul volto autoinflitto con un forte pizzicotto che lascia un segno per alcune settimane. Un gesto visibile di autolesionismo che ha allarmato gli insegnanti e le dirigenti scolastici di due scuole, una a Molinella e una in città, quando hanno visto i ragazzini arrivare in classe con il viso tumefatto da segni molto simili fra loro e, inizialmente, avevano pensato a episodi di bullismo.
    Secondo l'edizione locale del Resto del Carlino che ha raccolto e raccontato la storia, su TikTok ci sono alcuni tutorial che insegnano come procurarsi il livido. "I genitori interessati - ha scritto Maria Masini, preside della scuola di Molinella - sono già stati contatti direttamente, ma cogliamo l'occasione per invitare tutti a monitorare i contenuti dei social e affiancare i propri ragazzi per contenere inutili e pericolosi gesti di emulazione".
    Come racconta un'altra preside al giornale, il gesto in sé non è particolarmente pericoloso. "Allarma però - dice Filomena Massaro, dell'Istituto comprensivo 12 - quella proposta che all'apparenza può sembrare priva di significato, ma in realtà è una forma di autolesionismo". La scuola organizzerà incontri con le classi, mentre a Molinella sono stati coinvolti anche i carabinieri.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza