Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Violenze su moglie e due figlie, condannato a 10 anni

Violenze su moglie e due figlie, condannato a 10 anni

A Modena, l'uomo impediva loro perfino di parlare italiano

MODENA, 13 gennaio 2023, 10:07

Redazione ANSA

ANSACheck

Dieci anni di carcere e 100mila euro di provvisionale a favore delle vittime, ovvero la moglie e le due figlie. Questa la condanna arrivata ieri in tribunale a Modena nei confronti di un 60enne originario del Marocco e residente a Pavullo, sull'Appennino modenese, arrestato il 19 aprile dello scorso anno per violenza sessuale e maltrattamenti aggravati e continuati. A riportarlo è la stampa locale.
    Secondo quanto emerso nel corso del processo, l'uomo per vent'anni avrebbe sottoposto le due figlie e la moglie a violenze continue, abusando della donna quando era incinta della prima figlia, arrivando anche a prenderla per i capelli e chiudendola in camera. Alla moglie l'uomo impediva di uscire di casa, mentre le figlie, secondo quanto ricostruito dai pm, dovevano vestirsi come l'uomo ordinava loro e non potevano fare attività sportiva. In casa era vietato parlare in italiano. Nel gennaio dello scorso anno l'episodio che ha portato le tre donne a ribellarsi. L'uomo ha spinto fuori dalla doccia la figlia minore perché voleva andare a dormire da un'amica, provocandole fratture alle costole. A quel punto, quando il 60enne è partito per il Marocco, dove ha un'altra famiglia, le tre vittime si sono rivolte ai carabinieri.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza