Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Restauro monumento funebre aviatore Pico Cavalieri a Ferrara

Restauro monumento funebre aviatore Pico Cavalieri a Ferrara

Al cimitero israelitico, anniversario morte in incidente aereo

FERRARA, 04 gennaio 2023, 12:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il 4 gennaio 1917 moriva in un incidente aereo Pico Cavalieri, pilota aviatore volontario nella prima guerra mondiale, decorato di due medaglie d'argento al valore militare. In suo onore e in sua memoria il Comune di Ferrara, con un investimento di 10mila euro, il ministero della Cultura, con circa 20mila euro nell'ambito di un bando per il patrimonio storico della prima guerra mondiale, e il Meis, con duemila euro, hanno partecipato al restauro del monumento funebre a lui dedicato al cimitero israelitico di Ferrara, firmato dallo scultore - anch'egli di origini ebraiche - Arrigo Minerbi, insieme ad Anita Raffaella Cavalieri, sorella di Pico (che fu allieva di Auguste Rodin a Parigi). I lavori sono in corso e procederanno non appena la stagione lo consentirà.
    Attualmente il monumento già si presenta in veste rinnovata, è stata rimossa l'edera che lo ricopriva e sono tornati alla luce elementi a lungo nascosti: un'aquila - tra quelle che sormontano il monumento - trattiene un ramoscello di ulivo, simbolo della pace e una un ramoscello di quercia, simbolo della forza.
    Continua inoltre il progetto di riqualificazione di Casa della Patria Pico Cavalieri, il palazzo in Corso Giovecca donato dalla famiglia alla morte dell'aviatore.
    La data odierna segna e incrocia inoltre un'altra ricorrenza importante per la memoria e la storia dell'ebraismo a Ferrara: il 4 gennaio 1958 moriva l'artista Roberto Melli, nato il 21 marzo 1885 da una famiglia di commercianti di origine ebraica nella città estense. Per un incrocio di circostanze il primo maestro di scultura di Melli fu proprio quell'Arrigo Minerbi che realizzò il monumento a Pico Cavalieri. A Melli è dedicata una recente pubblicazione che, riportando diverse novità, ne riscopre la vocazione e la passione cinematografica. Autore (il titolo è "Cinema, pittura, Ferrara. Quattro artisti ferraresi prestati alla settima arte") è lo storico dell'arte Lucio Scardino, per la casa editrice La Carmelina edizioni. Scardino ricorda che Melli, oltre ad essere stato un grande pittore e scultore, fu anche per cinque anni direttore della San Marco film, casa di produzione cinematografica di Roma, per la quale realizzò favole per il cinema e sophisticated comedy.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza