Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Iran: morto dopo torture, Bologna non riesce a crederci

Iran: morto dopo torture, Bologna non riesce a crederci

'Ogni secondo ho ricordi di lui, era critico con il suo Paese'

BOLOGNA, 02 gennaio 2023, 15:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha gli occhi lucidi e arrossati per il pianto Yaman, responsabile della pizzeria d'asporto Ciao Vip di Bologna. Qui, tra il 2018 e il 2021, lavorò Mehdi Zare Ashkzari, il giovane poco più che trentenne morto in Iran dopo venti giorni di coma a seguito delle torture subite nel carcere in cui era stato arrestato, per aver preso parte alle manifestazioni di protesta che da mesi agitano il Paese.
    "Ha avuto la notizia ieri da amici e non ho dormito tutta la notte", dice Yaman scuotendo la testa. "Non riesco ancora a crederci, ogni secondo mi tornano in mente ricordi di lui. Era un ragazzo pieno di energia, gli piaceva vivere, si era fatto benvolere da tutti qui. La sera, dopo il lavoro, quando poteva usciva con gli amici, in molti qui lo conoscevano".
    Yaman, che è di nazionalità siriana, racconta anche che il giovane era molto critico nei confronti del regime del suo Paese. "Non parlava spesso di politica - precisa - ma quando lo faceva si mostrava molto critico, come praticamente tutti gli iraniani che abitano qui, ma molti non lo dicono". Ufficialmente Yaman era il capo di Mehdi, "ma più che un rapporto di lavoro, tra noi c'era un rapporto di amicizia". Poco prima che Mehdi andasse in Iran, Yaman aveva cambiato lavoro. "Ci vedevamo un po' meno", racconta, ma l'affetto non era mai venuto meno.
    Intanto un disegno con il volto di Mehdi, è stato fatto dal fumettista Gianluca Costantini, autore dell'ormai celebre ritratto Patrick Zaki, realizzato a sostegno della battaglia per la sua liberazione ed esposto in molti spazi pubblici di Bologna e nel resto del mondo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza