Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Concerto di band ispirata a Br a Reggio Emilia, è polemica

Concerto di band ispirata a Br a Reggio Emilia, è polemica

Il figlio di Biagi: è una cosa schifosa che li invitino

BOLOGNA, 04 maggio 2022, 16:21

Redazione ANSA

ANSACheck

Un volantino delle Brigate Rosse, foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un volantino delle Brigate Rosse, foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un volantino delle Brigate Rosse, foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Testi musicali inneggianti alle Brigate Rosse, con tanto di bandiera del gruppo terroristico sul palco di un circolo Arci a Reggio Emilia. È polemica in Emilia su un concerto del Primo maggio a un'iniziativa denominata 'Festa dell'Unità Comunista' alla quale è stata invitata la band rap-trap 'P38 - La Gang', un nome che rievoca l'arma simbolo degli Anni di Piombo.
    Sulla performance si è scatenata la bufera. Il movimento di destra 'Reggio Emilia Identitaria' chiede "la chiusura del locale che ha permesso un tale scempio, nella totale mancanza di rispetto verso i familiari caduti per mano brigatista". Il presidente del circolo Arci, Marco Vicini, difende invece la band. "È solo un'esibizione artistica. Il trap per vocazione tratta tematiche estreme e provocatorie. Il mondo della musica è pieno di esempi di natura dissacrante, come la canzone 'Juriij spara' dei Cccp". La 'P38' tra marzo e aprile aveva suonato anche a Roma, Firenze, Bergamo, Padova e Bologna (all'ex centrale).
    "Le cose più schifose a mio parere sono due. La prima è che il titolare di questo locale che li ha invitati li ha pure difesi in seguito alla loro esibizione (in 3 col passamontagna per cercare di non farsi riconoscere ) dicendo che è solo una provocazione la loro e che c'è di peggio. La seconda cosa schifosa è che non è la prima volta che questo 'gruppo' viene invitato nei locali ad esibirsi", scrive sui social Lorenzo Biagi, figlio di Marco, il giuslavorista ucciso dalle Nuove Brigate Rosse a Bologna il 19 marzo 2002.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza