Emilia-Romagna
  1. ANSA.it
  2. Emilia-Romagna
  3. Marrese indaga il rapporto di Pasolini con Bologna

Marrese indaga il rapporto di Pasolini con Bologna

'Il giovane corsaro' in anteprima il 3 marzo al cinema Lumière

(ANSA) - BOLOGNA, 02 MAR - "Sono uno che è nato in una città piena di portici nel 1922, in una città dove il mio paese è così se stesso da sembrare un paese di sogno". La città è Bologna, dove Pier Paolo Pasolini nacque il 5 marzo 1922 e dove trascorse gli anni della formazione. È la storia che Emilio Marrese, giornalista di Repubblica, racconta con il suo nuovo film, 'Il giovane corsaro-Pasolini da Bologna', realizzato in occasione del centenario della nascita di Pasolini, in anteprima giovedì 3 marzo alle 10.30 e alle 20 al Cinema Lumière della Cineteca di Bologna (repliche il 5 alle 16 e il 6 alle 20.30). Il film è prodotto da Luigi Tortato-Sì Produzioni in associazione con Istituto Luce Cinecittà, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna.
    Attraverso materiale di repertorio, documenti inediti e le parole di Pasolini, Marrese esplora il periodo giovanile della vita del poeta-regista con una storia che si muove tra presente e passato: 'Il giovane corsaro' racconta, per la prima volta in forma di documentario, la gioventù di uno degli intellettuali italiani più importanti, radicali e controversi del Novecento nella città dove nacque e dove si formò dal 1937 al 1943.
    Amicizie, maestri, studi, passioni, famiglia, conflitti, tormenti, la guerra, i luoghi, le prime esperienze in tutte le direzioni del sapere e del vivere: cinema, poesia, letteratura, teatro, pittura, giornalismo, politica, impegno civile, sport, sesso. Pasolini frequentò il liceo classico Galvani e si laureò in Lettere all'Alma Mater con una tesi su Giovanni Pascoli.
    Tornò poi nel 1955 per fondare la rivista "Officina" e, negli anni successivi, girare alcune scene di 'Edipo re', 'Comizi d'amore' e 'Salò o le 120 giornate di Sodoma'. Il suo legame con Bologna proseguì fino agli ultimi giorni, non senza delusioni, incomprensioni e severe critiche alla città "consumista e comunista". La scelta narrativa è stata quella di affidare le redini del racconto a uno studente al lavoro su una tesi di laurea proprio sul rapporto tra Pasolini e Bologna, interpretato dal giovane bolognese Nico Guerzoni; la voce narrante è di Neri Marcorè. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie