Emilia-Romagna
  1. ANSA.it
  2. Emilia-Romagna
  3. Covid: a Ravenna controlli isolamento con geolocalizzazione

Covid: a Ravenna controlli isolamento con geolocalizzazione

Polemica su privacy ma il sindaco: 'Alternativa meno invasiva'

Per accertare il rispetto dell'isolamento fiduciario rispetto al coronavirus (la quarantena) a Ravenna la Polizia locale effettua controlli telefonici e alle persone chiede, comunicandolo anche sui suoi canali social, l'invio della propria posizione Gps in tempo reale a un numero cellulare di servizio che viene fornito durante la telefonata. Se la persona non vuole o non può mandarlo, sul posto si reca la pattuglia per il controllo 'tradizionale'. Un modus operandi - segnalato dalla stampa locale - che a Ravenna ha scatenato polemiche e dibattito su possibili lesioni della privacy dei cittadini. Oggi interviene il sindaco per spiegare la ratio del provvedimento.

Il primo cittadino ravennate Michele De Pascale afferma che "l'invio consenziente della propria posizione tramite lo smartphone offre al cittadino un'alternativa molto meno invasiva rispetto al controllo a domicilio". L'isolamento domiciliare è una misura prevista dalla legge per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, si legge nella nota del Comune, e le disposizioni su sanzioni e controlli (art.4 decreto legge n.19 del 25 marzo 2020) prevedono che le misure siano eseguite anche dalla polizia municipale, in quanto agente di pubblica sicurezza, che possono recarsi al domicilio oppure optare per "ogni altra operazione tecnica".

Dunque, sottolinea il sindaco, gli agenti contattano l'interessato sull'utenza contenuta negli elenchi che, quotidianamente, sono diramati dal Dipartimento di sanità pubblica agli enti preposti al controllo. Poi il colloquio telefonico consente di concordare la modalità più gradita di controllo. Alla persona viene data la possibilità di dimostrare la propria presenza al domicilio con l'invio del dato di posizione geografica del cellulare. Un dato "istantaneo", che "non si protrae oltre il tempo dell'accertamento e non è soggetto a conservazione". Insomma non c'è alcun "tracciamento generalizzato".

Dubbi e contestazioni erano stati avanzati a livello locale sulla limitazione della libertà e della privacy dei cittadini e sulla legittimità del comportamento della Polizia locale.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna


      Modifica consenso Cookie