Cagliari si racconta attraverso i sensi

Progetto vincitore bando MigrArti, tra spettacoli e laboratori

Redazione ANSA CAGLIARI

CAGLIARI - Uno spettacolo itinerante attraverso i quartieri storici per scoprire Cagliari con i sensi, i suoi sapori, le architetture, le tradizioni e chi la abita. E' la tappa finale di "Vita nella città - Cagliari aperta al mondo", progetto multidisciplinare e multiculturale vincitore del bando MigrArti, emanato da Mibact e Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazione razziale).
    L'iniziativa si sviluppa il 28, 29 e 30 luglio attraverso otto laboratori di teatro sensoriale, danza, video-documentario, scrittura e poesia, scenografia, costumi e maschere, fotografia e musica elettronica. Piazze, strade, edifici diventano spazi di arte, creatività e gusto all'insegna dell'incontro e dell'integrazione con chi arriva anche da lontano.
    Professionisti, studenti, migranti che partecipano ai laboratori ma anche gli spettatori saranno coinvolti nella messa in scena di uno spettacolo che si snoda tra vie, vicoli e piazze. "Un percorso di formazione e creazione collettiva che unisce diverse etnie e generazioni - spiega Karim Galici, regista e ideatore del progetto prodotto da Asmed, Associazione sarda musica e danza - gli spazi urbani diventano luoghi di scambio e condivisione".
    Un piccolo assaggio di quanto accadrà nel corso dell'evento finale lo ha dato il laboratorio di teatro sensoriale che si è tenuto presso l'Italian Chef Cooking School. I partecipanti a occhi bendati, trascinati dalla magia del racconto di Karim Galici, si sono poi lasciati catturare dagli aromi e dai piatti creati dall'estro dello chef Giuseppe Falanga, direttore, insieme a Gianluca Aresu. Un'esperienza olfattiva, gustativa, tattile, uditiva, che ha permesso ai partecipanti di vivere le suggestioni che suscita un sapore, carpirne le sfumature e indovinarne gli ingredienti.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA