Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Partenze e rientri estivi momenti più critici per il mal d'auto

Partenze e rientri estivi momenti più critici per il mal d'auto

Ne soffre 1 persona su 3, i consigli

ROMA, 18 agosto 2023, 14:37

Redazione ANSA

ANSACheck

Partenze e rientri estivi momenti più critici per il mal d 'auto - RIPRODUZIONE RISERVATA

Partenze e rientri estivi momenti più critici per il mal d 'auto - RIPRODUZIONE RISERVATA
Partenze e rientri estivi momenti più critici per il mal d 'auto - RIPRODUZIONE RISERVATA

- La partenza o il ritorno dalle vacanze estive, piuttosto che gli spostamenti giornalieri, sembrano i momenti che rendono particolarmente inclini a sviluppare la cinetosi, ossia il mal d'auto, che si ritiene colpisca circa una persona su tre: è quanto osserva William Emond, che si occupa proprio di mitigazione del mal d'auto all'Università francese di Tecnologia di Belfort-Montbéliard in Francia, in un approfondimento sul networkThe Conversation.

    Più a lungo si viaggia in automoile, più è probabile che ci si senta male, odice l'esperto citando i modelli matematici che predicono il mal d'auto. Le attività per passare il tempo, come leggere un libro, guardare un film, scorrere i social media, potrebbero aumentare la sensazione di nausea. Queste attività visivamente stimolanti assorbono infatti la nostra attenzione al punto che non siamo sintonizzati sui segnali visivi che consentono al cervello di valutare il movimento del veicolo. Questo crea confusione nella percezione del movimento.
    Di conseguenza, diventa molto più facile sentirsi male.

    L'aria condizionata, poi, potrebbe a peggiorare la situazione, così come gli odori sgradevoli. I fumi del traffico, il fumo di sigaretta e anche l'odore della pelle sono stati identificati come seconda causa più comune di mal d'auto.

    L'eventuale traffico, inoltre,non aiuta. In macchina infatti non è la velocità che fa star male, ma i cambi di velocità stessa, soprattutto se bruschi.

Cosa fare quindi? Per il conducente il consiglio è fare pause regolari e cercare il più possibile ridurre la quantità di forti accelerazioni e frenate.
    Per i passeggeri, sedersi il più avanti possibile nel veicolo perché qualsiasi movimento durante il viaggio viene assorbito meglio dal corpo in questa posizione, chiudere gli occhi o provare a dormire, distrarsi con giochi o canzoni e inclinare il sedile all'indietro per essere meno 'destabilizzati' dall'auto che si muove. Infine, occorre ricordare che anche i fattori psicologici giocano un ruolo: offrire un dolcetto, una gomma da masticare, un sorso d'acqua o fermarsi per una boccata d'aria fresca, mentre si parla della loro efficacia contro il mal d'auto, darà una piccola spinta ai compagni di viaggio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza