Correre frena l'invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Correre 'frena' l'invecchiamento del cuore, aiutando a salvaguardarne il Dna dalla 'corrosione' tipica del tempo che passa.
    Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Experimental Physiology e condotta su topolini da scienziati della University of Maryland.

    Ogni parte del nostro corpo comincia a invecchiare subito dopo la nascita. A ciò corrisponde a livello cellulare l'accorciarsi fisiologico dei cromosomi, che sono i depositari dell'informazione genetica. I cromosomi si accorciano alle estremità dove ci sono i telomeri - i cappucci protettivi - che sono come le estremità di plastica dei lacci di scarpa, senza le quali i lacci finiscono per sfrangiarsi. La lunghezza dei telomeri è dunque una misura dell'età biologica di un individuo, così come gli anelli dei tronchi sono una misura dell'età degli alberi.

    I ricercatori hanno osservato i benefici della corsa facendo correre topolini per 30 minuti sulle ruote delle gabbiette.

    Hanno confrontato i telomeri del Dna delle cellule cardiache di questi topi con quelli di topolini 'sedentari'. È emerso che dopo l'allenamento l'attività dell'enzima che protegge i telomeri (la telomerasi) è più elevata. Inoltre la corsa stimola anche i processi di riparazione del Dna delle cellule del cuore contribuendo a mantenerle giovani. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA