Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Più soldi alla sanità pubblica, appello di Nobel e scienziati

Più soldi alla sanità pubblica, appello di Nobel e scienziati

Da Parisi a Garattini, Ssn in crisi perché sottofinanziato

04 aprile 2024, 07:30

di Elisa Buson

ANSACheck

Più soldi alla sanità pubblica, appello di Nobel e scienziati (fonte: Pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal premio Nobel per la fisica Giorgio Parisi al farmacologo Silvio Garattini, passando per il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli e l'immunologo Alberto Mantovani: sono solo alcune delle firme di peso che sottoscrivono un appello a difesa del Servizio sanitario nazionale, per chiedere un piano straordinario di finanziamento e una maggiore valorizzazione del personale per arginare la crisi in cui versa il sistema.

"Dal 1978, data della sua fondazione, al 2019 il Ssn in Italia ha contribuito a produrre il più marcato incremento dell’aspettativa di vita (da 73,8 a 83,6 anni) tra i Paesi ad alto reddito. Ma oggi - si legge nel documento - i dati dimostrano che il sistema è in crisi: arretramento di alcuni indicatori di salute, difficoltà crescente di accesso ai percorsi di diagnosi e cura, aumento delle diseguaglianze regionali e sociali". Sotto accusa c'è soprattutto il forte sottofinanziamento della sanità pubblica, alla quale "nel 2025 sarà destinato il 6,2% del Pil, meno di vent’anni fa", precisano i firmatari, tra i quali compaiono anche esperti di economia e politica sanitaria come Francesco Longo dell'Università Bocconi e l'ex direttrice generale del Ministero della Sanità Nerina Dirindin.

"La vera emergenza è adeguare il finanziamento del Ssn agli standard dei Paesi europei avanzati", pari "all'8% del Pil". Specifiche risorse "devono essere destinate a rimuovere gli squilibri territoriali" che "l’autonomia differenziata rischia di ampliare". Bisogna poi "intervenire in profondità sull’edilizia sanitaria" e "affrontare temi come la valorizzazione degli operatori, la loro tutela e la garanzia di condizioni di lavoro sostenibili". La continuità assistenziale tra ospedale, territorio e domicilio resta un problema che oggi "non è più procrastinabile", così come il tema della prevenzione, la cui spesa "è da sempre al di sotto di quanto programmato".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza