Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bassetti, lieve aumento dei casi di dengue in Italia ma era prevedibile

Bassetti, lieve aumento dei casi di dengue in Italia ma era prevedibile

Per spostamenti con la bella stagione. Cruciale evitare focolai autoctoni

ROMA, 02 aprile 2024, 17:23

Redazione ANSA

ANSACheck

Sospetto caso di Dengue a Brescia, disinfestazione - RIPRODUZIONE RISERVATA

In Italia "registriamo un leggero aumento dei casi di infezione dengue, ma questo era ampiamente previsto poichè, con la bella stagione, aumentano gli spostamento anche verso il Centro e Sud America, dove l'infezione è altamente presente. Di conseguenza, i casi sono lievemente cresciuti anche da noi, ma sono tutti casi di importazione". A sottolinearlo all'ANSA è l'infettivologo Matteo Bassetti, presidente della Società italiana di terapia antinfettiva e direttore della Clinica Malattie Infettive Ospedale San Martino Irccs di Genova. Proprio pochi giorni fa un caso di dengue è stato trattato al San Martino in un ragazzo proveniente dall'Argentina, già dimesso.
    "Al momento - spiega Bassetti - siamo di fronte a casi tutti di importazione, ovvero registrati in persone che avevano viaggiato e provenivano da Paesi dove l'infezione è endemica. E' evidente che con l'impennata di casi in Paesi come Brasile, Argentina e Perù, sono aumentati anche i casi di infezione in chi rientra da questi luoghi". Inoltre, aggiunge, "negli ultimi mesi è cresciuta l'attenzione anche mediatica rispetto a tale infezione, ed è più facile che coloro che rientrano da viaggi in questi luoghi si sottopongano a controlli all'insorgenza di qualunque primo segnale sospetto". Secondo Bassetti è dunque probabile che questo trend prosegua, con un ulteriore aumento delle infezioni anche in Italia: "L'aspetto più importante - precisa - è che a questo punto non si sviluppino dei focolai autoctoni sul nostro territorio, ovvero casi di infezione sviluppati in soggetti che non hanno mai viaggiato in territori a rischio, come già accaduto nel 2023 con due focolai in Lazio e Lombardia. Focolai autoctoni, infatti, porterebbero ad un rischio di epidemie". Focolai di tal genere potrebbero svilupparsi se un soggetto infetto, di rientro da zona endemica, fosse punto da zanzare tigre presenti sul nostro territorio ed il virus fosse poi diffuso ad altri soggetti proprio dalla puntura delle zanzare: "Finora - chiarisce l'esperto - ciò non è avvenuto anche perchè l'inverno non è la stagione propizia, ma con la Primavera e l'Estate le zanzare si riproducono con più velocità e bisogna fare molta attenzione". Una misura importante, sottolinea, "sono le disinfestazioni ed il ministero si è mosso bene e presto rispetto al resto dell'Europa, con tre circolari. Ma ora la competenza passa agli enti locali che devono attivarsi". 

Quanto ai sintomi dell'infezione dengue, Bassetti ricorda che i principali sono febbre, dolori alle ossa, rush con puntini rossi sulla pelle, mal di testa e dolori dietro gli occhi: "In presenza di tali manifestazioni al rientro da un viaggio in luoghi con presenza della dengue - rileva - è bene rivolgersi ad uno specialista e farsi controllare". In questo momento inoltre, conclude Bassetti, "è importante sensibilizzare i viaggiatore ma anche le strutture sanitarie ed i medici di famiglia affinchè prestino particolare attenzione a questa tipologia di sintomi". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza