Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Intervento record nel Milanese, asportato mioma di oltre 5 chili

Intervento record nel Milanese, asportato mioma di oltre 5 chili

L'operazione su una donna di 40 anni. Salvaguardata la fertilità

MILANO, 17 maggio 2023, 16:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un tumore benigno, di 5,240 kg per un diametro di 35 cm, è stato asportato a una 40enne residente nell'area metropolitana milanese dall'equipe di ginecologia dell'ospedale di Melzo (Milano) diretta dal chirurgo Giuseppe Losa. La paziente era affetta da un mioma uterino asportato senza compromettere l'integrità di tutti gli organi dove la massa tumorale aderiva. Un'operazione delicata per le dimensioni della massa e per il rischio, concreto, di andare incontro all'infertilità per una donna ancora giovane.
    "L'intervento - spiega Losa - è perfettamente riuscito. Dopo 4 giorni in reparto e un decorso regolare, è stata dimessa in ottime condizioni".
    Un caso molto raro che riaccende i riflettori sull'importanza della prevenzione. A spiegarlo è lo stesso chirurgo: "Le pazienti che hanno disturbi simili, dolori e perdite ingiustificate, devono sempre rivolgersi a uno specialista.
    Ancora meglio sarebbe che i controlli fossero effettuati con cadenza regolare in modo da poter intervenire, nel caso di dubbi, in tempi adeguati. In questo caso la giovane ha probabilmente sottovalutato i sintomi fino a quando la situazione non è peggiorata in maniera così grave".
    Un grande grazie "per la qualità e le eccellenze che hanno dimostrato i nostri sanitari", arriva dalla Direzione generale della Asst di Melegnano e della Martesana. "Un orgoglio aver salvato non solo la vita di questa donna ma di aver permesso a lei di poter, un domani, donare ancora la vita", sono le parole di Valentino Lembo , direttore sanitario dell'Azienda di Vizzolo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza