Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Medici e pazienti in piazza, sit-in il 15 giugno in 8 città

Medici e pazienti in piazza, sit-in il 15 giugno in 8 città

Un 'Manifesto per la salvezza del Servizio Sanitario Nazionale' e una manifestazione a Roma a settembre con 100mila partecipanti

ROMA, 17 maggio 2023, 19:13

Redazione ANSA

ANSACheck

Mobilitazione in difesa della sanità pubblica - RIPRODUZIONE RISERVATA

Mobilitazione in difesa della sanità pubblica - RIPRODUZIONE RISERVATA
Mobilitazione in difesa della sanità pubblica - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un 'Manifesto per la salvezza del Servizio Sanitario Nazionale', sit-in il 15 giugno in otto città italiane e una grande manifestazione nazionale a settembre a Roma con l'obiettivo di portare in piazza 100.000 persone. I sindacati medici e 20 associazioni di cittadini e pazienti sono per la prima volta uniti in una mobilitazione lanciata oggi in una conferenza stampa a Roma.

   Tra i promotori dell'iniziativa i maggiori sindacati medici: Anaao Assomed, Cimo Fesmed, Aaroi-Emac, Fassid, Fp Cgil medici, Federazione medici veterinari, Uil Fpl. A fianco a loro Cittadinanzattiva e 19 associazioni di pazienti, da quelli con malattie reumatiche a quelli con diabete o malattie oncologiche.

    "Per la prima volta oggi siamo tutti dalla stessa parte perché se crolla la sanità pubblica, crolla la salute e il welfare", ha detto Pierino Di Silverio, segretario Anaao Assomed.

    La mobilitazione nasce da lontano. A motivarla, spiegano, la crescita delle liste d'attesa, della spesa privata, della rinuncia alle cure, che va di pari passo al calo di investimenti in sanita rispetto al Pil, la fuga dei medici, mancata assistenza sul territorio. "Il diritto alla salute è a rischio", a causa di "un processo di destrutturazione del Servizio Sanitario nazionale che ne ha minato sostenibilità ed equità", spiegano nel manifesto le Organizzazioni sindacali che rappresentano oltre 120.000 dirigenti medici, veterinari e sanitari e le associazioni di cittadini e pazienti. Per questo, sindacati e associazioni chiedono "a tutte le forze politiche un chiaro impegno in difesa del Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale".

    "Il quadro dei dati - ha affermato Anna Lisa Mandorino, segretaria generale di Cittadinanzattiva - è drammatico, si rischia la rassegnazione dei cittadini, in questo contesto già difficile, l'autonomia differenziata è un rischio per l'equità di accesso alle cure perché accentuerà le differenze di accesso alle cure". 

"Abbiamo messo in preventivo anche lo sciopero e ci arriveremo se sarà necessario. Ora ci interessa più coinvolgere il cittadino nella mobilitazione il Servizio sanitario nazionale, ma non escludiamo nessun tipo di arma". Lo ha detto il segretario del sindacato Anaao Assomed a margine della conferenza stampa di presentazione della mobilitazione dell'intersindacale medica insieme a cittadini e pazienti. A preoccupare è l'autonomia differenziata, il blocco di risorse per assumere personale e il rinnovo del contratto nazionale.

"Abbiamo un ddl - precisa Guido Quici, segretario del sindacato Cimo-Fesmed - che va verso il regionalismo asimmetrico ovvero verso la distruzione del welfare. Il secondo punto sono le risorse da indirizzare nello specifico sugli operatori sanitari: bisogna eliminare seriamente il tetto di spesa che ancora limita l'assunzione di personale. La carenza di medici è un tassello di un puzzle, e il problema si supera se si ha coraggio di superare i limiti che non permettono di assumere medici in modo strutturato". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza