Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La legge Basaglia ha 45 anni, a rischio i servizi pubblici

La legge Basaglia ha 45 anni, a rischio i servizi pubblici

La legge 180 aprì i manicomi. I servizi pubblici sono a rischio: mancano i fondi. Gli psichiatri della Società italia psichiatria, "è drammatica la carenza di personale"

ROMA, 12 maggio 2023, 18:18

Redazione ANSA

ANSACheck

Una foto tratta da una mostra sulla legge Basaglia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una foto tratta da una mostra sulla legge Basaglia - RIPRODUZIONE RISERVATA
Una foto tratta da una mostra sulla legge Basaglia - RIPRODUZIONE RISERVATA

 "La legge Basaglia resta rivoluzionaria" ma oggi "il Paese è cambiato e ha bisogno di nuova organizzazione dei servizi di salute mentale". E soprattutto ha bisogno di risorse, oggi sotto al 3% del fondo sanitario, e di investimenti nel capitale umano perché "la carenza di personale è drammatica e rischia di far crollare l'intero sistema pubblico". E' l'allarme che arriva dalla Società Italiana di Psichiatria nel quarantacinquesimo anniversario della Legge 180 che, nel 1978, portò alla chiusura dei manicomi.
    Cambiamenti sociali, nuove patologie mentali, le conseguenze della pandemia, la mancanza di personale, il sovraccarico delle Rems e, come ha evidenziato l'omicidio di Barbara Capovani, psichiatra a Pisa, il crescente problema della sicurezza degli operatori: "tutto questo richiede aggiornamenti", spiega la presidente della Sip, Emi Bondi.

"Oggi - sottolinea - è cambiata l'utenza che si rivolge ai servizi pubblici. Solo il 20-25% ha disturbi psicotici e bipolari, depressivi o d'ansia, mentre sono aumentati i disturbi di personalità, da uso di stupefacenti e quelli del neurosviluppo come Adhd e autismo".
    Di pari passo, "l'enorme aumento degli invii ai Servizi Psichiatrici degli autori di reato sta spostando i problemi irrisolti" delle carceri alle Rems ed alle altre strutture del Dipartimento di Salute Mentale". La psichiatria, "senza difese, è costretta ad occuparsi di chi non può stare alle regole di convivenza": "sono centinaia le segnalazioni di fatti violenti ogni giorno, ma migliaia sono quelli non denunciati per impossibilità di intervento e risposta anche da parte degli organi addetti".
    Per questo, "servono ingenti investimenti nella salute mentale, per colmare la carenza di personale a tutti i livelli. É fondamentale un adeguamento stabile dei fondi in una misura non inferiore all'8-9% del fondo sanitario, come in altri paesi europei. Oggi siamo sotto il 3%". Altrimenti sarà impossibile garantire il servizio ai pazienti ma anche la sicurezza degli operatori "sia all'interno delle strutture, sia al pronto soccorso". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza