Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ipotesi di sanzioni contro le denunce infondate ai medici

Ipotesi di sanzioni contro le denunce infondate ai medici

Commissione al lavoro. D'Ippolito, 'evitare denunce temerarie'

ROMA, 20 aprile 2023, 09:34

Redazione ANSA

ANSACheck

Ipotesi di sanzioni contro le denunce infondate ai medici - RIPRODUZIONE RISERVATA

Ipotesi di sanzioni contro le denunce infondate ai medici - RIPRODUZIONE RISERVATA
Ipotesi di sanzioni contro le denunce infondate ai medici - RIPRODUZIONE RISERVATA

Per scoraggiare il fenomeno della Medicina difensiva, la strada è quella di "rendere difficili le denunce a carico dei medici, quando si tratti di denunce ovviamente clamorosamente infondate e strumentali, prevedendo delle sanzioni per chi le presenta". E' questo l'obiettivo al quale sta lavorando la commissione ministeriale per lo studio e l'approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica, come spiega all'ANSA il presidente Adelchi d'Ippolito.

    L'orientamento, chiarisce, "è cioè fare in modo di scoraggiare le cosiddette denunce temerarie, ovvero infondate, prevedendo che chi presenta una denuncia del genere debba poi risponderne. Tra le ipotesi c'è quella di prevedere ad esempio delle sanzioni pecuniarie. L'obiettivo, dunque, è mettere al riparo i medici da denunce infondate, per timore delle quali sono spinti alla medicina difensiva con un eccesso di prescrizioni di esami, e al contempo tutelare i pazienti".

    Sarebbe quindi questa la direzione nella quale la commissione procederà, mentre verrebbe accantonata l'ipotesi di una depenalizzazione tout court degli errori medici, che "potrebbe presentare dei profili di incostituzionalità", rileva il magistrato. Il punto, aggiunge, è che "bisogna evitare le aggressioni giudiziarie ai medici adottando un approccio equilibrato, che contempli le esigenze di sanitari e pazienti".

    D'altronde, ricorda, "attualmente, su 100 denunce che vengono presentate, solo 2 arrivano a condanna. Questo significa che ben 98 sono pertanto infondate".
    La commissione avrà un anno di tempo per completare i lavori. Nei prossimi incontri, conclude d'Ippolito, "avvieremo le audizioni delle categorie interessate, ovvero le associazioni dei medici e quelle dei pazienti".  

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza