Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Confcommercio e Pmi Sanità in piazza contro il payback

Confcommercio e Pmi Sanità in piazza contro il payback

Per i dispositivi medici. 'Mancheranno stent e valvole'

ROMA, 17 aprile 2023, 17:07

Redazione ANSA

ANSACheck

 "Il Governo sa tutto e ci ignora. Ci ascolti o sarà la fine delle piccole e medie imprese (pmi) e della Sanità Pubblica". E' quanto affermano Fifo Sanità Confcommercio (Federazione Italiana Fornitori Ospedalieri) e Pmi Sanità che, in rappresentanza degli oltre 100mila addetti ai lavori del comparto, oggi manifestano a Roma contro il payback sui dispositivi medici con rappresentanze provenienti da tutta Itala. La normativa - che prevede il ripiano a carico delle aziende del superamento del tetto di spesa dei dispositivi medici - "rischia più che mai - rilevano - di mettere a repentaglio il comparto delle forniture dei dispositivi medici e l'assistenza sanitaria pubblica".
    Il Governo, spiegano Fifo e Pmi Sanità in una nota, "ha chiesto alle aziende la rinuncia al Tar, ma questo toglierebbe l'ultimo pilastro di protezione alle aziende".
    "Imprese chiuse per un giorno - ha dichiarato Massimo Riem, presidente Fifo Sanità Confcommercio - per protestare contro quella che la Federazione ha definito una norma vessatoria. Oggi tutte queste persone sono qui perché il governo continua a non ascoltare il nostro grido d'allarme. È un problema che riguarda tutta Italia, è per questo che sono arrivate persone da ogni Regione. Una catastrofe per le imprese che si troveranno costrette a chiudere, causando l'interruzione delle forniture di dispositivi medici. Mancheranno stent, valvole cardiache e dispositivi salvavita. Una cosa indegna per un Paese civile".
    Parla di "effetti distruttivi di questa svista normativa" Gennaro Broya de Lucia, presidente Pmi Sanità: "Adesso è il momento di agire. Basta con le scuse, basta giocare con le nostre vite e le nostre libertà", afferma.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza