Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Filippo Laganà, 'il mio trapianto, speranza e rinascita'

Filippo Laganà, 'il mio trapianto, speranza e rinascita'

Interpreta se stesso in 'Amici per la pelle'. 'Donare è un regalo'

ROMA, 13 aprile 2023, 16:09

Redazione ANSA

ANSACheck

Filippo Lagan� - RIPRODUZIONE RISERVATA

Filippo Lagan� - RIPRODUZIONE RISERVATA
Filippo Lagan� - RIPRODUZIONE RISERVATA

Attore per interpretare se stesso e raccontare la propria storia, ma rigorosamente "con il sorriso" e per lanciare un messaggio di speranza perchè alla fine "le storie belle esistono, e sono anche tante". Filippo Laganà l'attore lo fa davvero, sulle orme del papà Rodolfo, ma questa volta il copione è stato davvero diverso da ogni altro. Nel film 'Amici per la pelle', con la co-produzione di Rai Cinema, interpreta appunto se stesso e racconta la sua esistenza di ragazzo 26enne che di colpo precipita nel tunnel della malattia, fino a quando - il 28 gennaio del 2019 - un trapianto di fegato gli salva la vita. Un'esperienza che Filippo racconta in occasione della presentazione al ministero della Salute della XXVI Giornata nazionale per la donazione e il trapianto di organi e tessuti, il 16 aprile.

"Oggi posso dire - afferma - che ho vinto grazie al sorriso, e penso sia fondamentale, potendo, raccontare delle storie belle e non solo vicende brutte. Il problema è che siamo abituati a sentire raccontare storie brutte, mentre quelle belle, come la mia, sono in realtà molte di più, ma non fanno notizia". "Nasco come attore, ho un papà che fa questo mestiere, ed è ciò che voglio fare. E' la mia vita e non ne posso farne a meno", dice, ma certo un ruolo come questo implica un coinvolgimento speciale. La storia "nasce da me, è la mia: ho avuto un grave problema mentre mi trovavo negli Stati Uniti, la sindrome di Wilson. Sono dovuto rientrare in Italia e sono stato immediatamente ricoverato al Policlinico di Tor Vergata dove ho avuto un trapianto di fegato. Qualche tempo dopo, facendo un'intervista in Rai, è nata l'idea di produrre questo film. Credo che nella vita bisogna osare, ma su temi del genere è molto difficile osare, quindi ringrazio Rai Cinema che ci ha permesso di raccontare tutto questo".

Il film è stato trasmesso alcuni giorni fa dalla Rai e oltre 2 milioni di persone lo hanno visto. Una grande gioia per Filippo, e non solo professionale: "Per me questo è un modo di ringraziare chi mi ha donato l'organo, solo così lo posso fare. Questa vuole essere una storia di speranza, di rinascita e che invita ad affrontare la vita in maniera completamente differente, con molta più consapevolezza e molta più allegria, cosa che ultimamente si vede poco. Quello che lancio con il film - sottolinea - è un messaggio di voglia di vivere". Dal giovane attore anche un forte invito a non avere paura di donare gli organi: "Già quando ero in ospedale ho dato la mia volontà favorevole alla donazione. Ho conosciuto un mondo di persone meravigliose, di cui prima ignoravo l'esistenza ed il lavoro, perchè per fare un trapianto si muovono decine di professionisti. E a chi ha paura di donare mi permetto di dire che sbaglia, perchè questo è un regalo che si può fare in vita per dare un futuro ad un'altra persona". Quanto al donatore, il suo 'amico per la pelle', "in realtà ci parlo e lo ringrazio quotidianamente, e condivido con lui la vita di tutti i giorni. Spero solo - afferma con un sorriso - che possa sentirsi orgoglioso, tutto qua". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza