Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Centro cambio sesso in Veneto,'prestazioni previste nei Lea'

Centro cambio sesso in Veneto,'prestazioni previste nei Lea'

Direttore Dal Ben, una bufala il congelamento ovuli donne

PADOVA, 08 aprile 2023, 15:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Risponde alle polemiche che da settimane si concentrano sul nuovo Centro pubblico per la disforia di genere (il cambio di sesso) in Veneto il direttore generale dell'azienda sanitaria di Padova, Giuseppe Dal Ben. Il tema principale è la possibilità o meno di congelamento degli ovociti femminili. "Le donne che intendono diventare uomini - dice Dal Ben all'ANSA - non congelano alcun ovocita, almeno in Veneto. Le notizie apparse sulla stampa appaiono destituite di ogni fondamento. Le uniche pazienti che possono congelare i propri ovociti, per preservare la fertilità, sono quelle in cura oncologica".
    La nuova struttura, erede del Centro di Andrologia già creato nel 2009 a Padova, sta ultimando la fase burocratica ed organizzativa, e - annuncia Dal Bene - "potrà essere pienamente operativo entro l'estate".' Poi un altro chiarimento sulla scelta adottata dalla Regione, anch'essa oggetto di critiche sul fronte politico: "Chiariamo che le prestazioni erogate dal Centro sono obbligatorie per legge, inserite nei Lea, i livelli essenziali di assistenza. Se non le erogassimo potrebbe essere intrapresa dai pazienti un'azione giudiziaria e lo dovremmo fare forzatamente".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza