Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il vino potrebbe proteggere il cuore dai grassi dannosi

Il vino potrebbe proteggere il cuore dai grassi dannosi

Ipotesi del Negrar, agisce su ceramidi che favoriscono placche

ROMA, 06 aprile 2023, 10:18

Redazione ANSA

ANSACheck

Un bicchiere di vino rosso - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un bicchiere di vino rosso - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un bicchiere di vino rosso - RIPRODUZIONE RISERVATA

A determinare gli effetti protettivi del vino sul cuore potrebbe essere la sua capacità di agire su alcuni grassi presenti nel sangue, chiamati ceramidi. È l'ipotesi che arriva dall'IRCCS Sacro Cuore di Negrar (Verona) che, insieme all'Università scaligera, avvierà a breve un dottorato di ricerca all'interno del quale si cercherà di dimostrare se l'assunzione lieve-moderata di vino può avere effetti cardiovascolari benefici agendo sulla riduzione di questi lipidi.


Il gruppo di ricerca ha già condotto diversi studi che hanno dimostrato che le ceramidi tendono ad aumentare il rischio di malattia coronarica e di recidiva di eventi cardiaci come l'infarto, anche in persone trattate farmacologicamente in modo ottimale per la riduzione del colesterolo cattivo LDL. "I benefici del consumo lieve-moderato di vino sono stati ampiamente dimostrati, in particolare l'assunzione di vino rosso è stata correlata a un minor rischio di malattia coronarica", spiega Stefano Bonapace, cardiologo al Negrar. "Studi epidemiologici e metanalisi hanno principalmente attribuito questo risultato alla grande varietà di composti polifenolici presenti nel vino rosso, come il resveratrolo che inibisce la formazione di fattori infiammatori che causano malattie cardiovascolari", aggiunge.


I meccanismi biologici responsabili di questi effetti non sono, però, a oggi completamente chiariti. L'effetto protettivo sembra legato a un aumento nel sangue del colesterolo buono HDL e a una riduzione dell'ossidazione del colesterolo cattivo LDL. "Non vi sono dati sul possibile effetto del vino sulle ceramidi, che sembrano avere un ruolo di 'facilitatori' nel processo di aterogenesi favorendo con vari meccanismi la deposizione del colesterolo cattivo LDL nella parete delle arterie causandone così la progressiva ostruzione", aggiunge Bonapace. "Lo studio mira proprio a cercare di chiarire attraverso un'assunzione controllata in modo sperimentale di una certa quantità di vino, se parte dell'effetto benefico di questa popolare bevanda sul sistema cardiovascolare possa passare anche attraverso la modificazione nel sangue di queste ceramidi che, in prospettiva, potrebbero diventare un nuovo target terapeutico", conclude.

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza