Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Schillaci, depenalizzeremo responsabilità medica, resta dolo

Schillaci, depenalizzeremo responsabilità medica, resta dolo

Su Libero, 'manterremo solo la civile'

ROMA, 03 aprile 2023, 17:18

Redazione ANSA

ANSACheck

Il ministro della Salute Orazio Schillaci in una foto recente - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ministro della Salute Orazio Schillaci in una foto recente - RIPRODUZIONE RISERVATA
Il ministro della Salute Orazio Schillaci in una foto recente - RIPRODUZIONE RISERVATA

Le lunghe liste di attesa nella sanità pubblica sono anche dovute al fatto che "vengono prescritti troppi esami inutili, c'è un eccesso di medicina difensiva. Il medico, per evitare cause e guai con la giustizia, eccede a volte negli esami da far fare: per questo agiremo depenalizzando la responsabilità medica, tranne che per il dolo, e mantenendo solo quella civile". Lo ha annunciato il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in un'intervista al quotidiano Libero.
Poi, ha affermato Schillaci, "stenderemo delle linee guida con criteri chiari su quali esami prescrivere e quando". Riferendosi quindi alla sostenibilità del sistema pubblico, Schillaci ha ricordato che l'articolo 32 della Costituzione "sancisce la tutela della salute come diritto fondamentale e gratuito e di qui non si scappa". Ma certo, ha aggiunto, "è costosissimo e negli altri Paesi l'assistenza non è così puntuale e a basso costo come da noi, dove si paga solo il ticket". Secondo il ministro, duqnue, "l'unica soluzione per mantenere la sanità non a pagamento è agire sulla prevenzione, fare in modo che la gente si ammali poco", soprattutto attraverso "l'educazione alla salute, fin nelle scuole".
    Fondamentale anche il ruolo dei medici di base: "Bisogna arrivare a spedire mail a casa per dire quali esami fare in base all'avanzare dell'età e daremo delle agevolazioni - ha concluso - a chi segue i consigli".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza