Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Gemelli un nuova tecnica elimina le lesioni all'esofago evitando il tumore

Al Gemelli un nuova tecnica elimina le lesioni all'esofago evitando il tumore

Procedura eseguita durante una normale gastroscopia

ROMA, 14 marzo 2023, 15:09

Redazione ANSA

ANSACheck

Al Gemelli tecnica elimina lesioni esofago evitando tumore - RIPRODUZIONE RISERVATA

Al Gemelli tecnica elimina lesioni esofago evitando tumore - RIPRODUZIONE RISERVATA
Al Gemelli tecnica elimina lesioni esofago evitando tumore - RIPRODUZIONE RISERVATA

Al Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS di Roma, per la prima volta in Italia, è stato effettuato un intervento di crioablazione endoscopica per rimuovere una "displasia' dell'esofago, una condizione pre-cancerosa che può ulteriormente evolvere verso un adenocarcinoma esofageo.
    "Il trattamento si effettua nel corso di una normale gastroscopia, introducendo nell'esofago, attraverso l'endoscopio, uno speciale catetere che ha sulla punta un palloncino dal quale si eroga protossido di azoto in forma gassosa; questo determina la formazione di cristalli di ghiaccio all'interno delle cellule, andando così a ischemizzare e dunque a eliminare il tessuto patologico", spiega Cristiano Spada, direttore della UOC Endoscopia Digestiva Chirurgica e ordinario di Gastroenterologia all'Università Cattolica, campus di Roma.
    Fino a un adulto su 5 è affetto da esofago di Barrett, condizione caratterizzata dalla trasformazione del normale rivestimento dell'esofago in un epitelio di tipo intestinale che può verificarsi a causa di un danno cronico, come quello indotto dalla malattia da reflusso gastro-esofageo. L'esofago di Barrett in soggetti predisposti o che non seguono un'adeguata terapia medica può peggiorare nel corso degli anni e portare all'insorgenza della displasia. Su questa condizione sono intervenuti i medici del Gemelli. L'intervento si è dimostrato "efficace nel cancellare la displasia e la metaplasia e soprattutto molto ben tollerato dai pazienti", dice ancora Spada.
    La crioablazione si aggiunge ora ai trattamenti tradizionali, come l'ablazione a radiofrequenza. "Le radiofrequenze erogano energia termica, che rimuove con il calore le aree di tessuto patologico", spiega Silvia Pecere, medico della UOC di Endoscopia Digestiva Chirurgica. "Questo consente la ricrescita di normale tessuto esofageo che si va a sostituire a quello patologico eliminato". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza