Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Covid: Cdc, in Usa Kraken all'85%, sparite le altre varianti

Covid: Cdc, in Usa Kraken all'85%, sparite le altre varianti

Per Iss in Italia al 13,3%, forte crescita rispetto a 1 mese fa

ROMA, 27 febbraio 2023, 15:29

Redazione ANSA

ANSACheck

Masks Recommended in New York City - RIPRODUZIONE RISERVATA

Masks Recommended in New York City - RIPRODUZIONE RISERVATA
Masks Recommended in New York City - RIPRODUZIONE RISERVATA

La sotto-variante XBB.1.5 (detta Kraken) dilaga negli Stati Uniti. Secondo l'ultima proiezione dei Centers for Disease Control and Prevention nell'ultima settimana è stata responsabile dell'85% dei contagi su scala nazionale. Sono quasi scomparse le altre varianti, salvo BQ.1 e BQ.1.1 che, insieme, raggiungono l'11,6%. Dopo che ha iniziato a diffondersi nella costa Est, dove oggi supera il 90% della prevalenza, XBB.1.5 è ormai dominante in tutto il Paese. Ad oggi la diffusione di Kraken non sembra avere avuto effetti sull'aumento dei contagi o dei ricoveri.
La situazione statunitense non ha pari nel mondo. Anche se in crescita, secondo l'ultimo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, la variante XBB.1.5 rappresenta il 29,6% delle sequenze genetiche condivise su scala globale. Una percentuale che, tuttavia, non rappresenta la sua effettiva prevalenza globale a causa della difforme attività di sequenziamento tra i diversi Paesi.
    In Italia, secondo l'ultima flash survey dell'Istituto Superiore di Sanità pubblicata lo scorso 17 febbraio, XBB.1.5 è al 13,3% in forte aumento rispetto all'1% della rilevazione precedente del 10 gennaio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza