Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il 92% dei mammografi e il 96% delle Tac ha più di 10 anni

Il 92% dei mammografi e il 96% delle Tac ha più di 10 anni

Confindustria dispositivi medici, 37mila sono vecchi

ROMA, 22 febbraio 2023, 12:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Negli ospedali italiani pubblici e privati gli apparecchi di diagnostica per immagini come Tac, mammografi e risonanze magnetiche sono sempre più vecchi, sono quasi 37mila quelli non più in linea con l'attuale livello di innovazione. Il 92% dei mammografi convenzionali hanno più di 10 anni, così come il 96% delle Tac. A scattare una fotografia di "significativa vetustà" è un'analisi dell'Osservatorio parco installato delle tecnologie di diagnostica per immagini, in collaborazione con Sirm (Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica) e Aiic (Associazione Italiana Ingegneri Clinici).

"Nel corso degli anni - dice Aniello Aliberti, Presidente Elettromedicali e Servizi Integrati di Confindustria Dispositivi Medici - il parco istallato ha certamente risentito di una serie di fattori: la limitatezza degli investimenti e dei finanziamenti dedicati alla sanità, l'assenza di attenzione all'innovazione nelle politiche pubbliche di acquisto, il permanere di livelli e logiche di rimborso delle prestazioni non incentivanti l'ammodernamento tecnologico. Ci auguriamo - aggiunge - che questo studio possa essere un utile riferimento per individuare le tecnologie su cui è prioritario intervenire con gli investimenti previsti dal Pnrr".

In particolare, secondo l'analisi basata su dati del 2021, tra le apparecchiature più vecchie di 10 anni ci sono appunto il 92% dei mammografi convenzionali, il 96% delle Tac (meno di 16 slice), il 91% dei sistemi radiografici fissi convenzionali, l'80,8% delle unità mobili radiografiche

"Il Pnrr - afferma Antonio Orlacchio della Sirm - ha previsto l'ammodernamento del parco tecnologico con la sostituzione di 3.133 apparecchiature installate da oltre cinque anni. Le risorse del piano non appaiono, però, completamente sufficienti a sopperire alle criticità emerse dallo studio. E investire nelle sole apparecchiature non è sufficiente, c'è bisogno di un adeguato reclutamento e valorizzazione economica dei radiologi, del personale tecnico e infermieristico per assicurare efficace e completo funzionamento delle apparecchiature".

Secondo Giovanni Guizzetti di Aiic, "la disponibilità di dati completi sulle grandi apparecchiature diagnostiche ci permetterà, alla fine del 2024, di valutare l'impatto della Mission 6 c. 2 del Pnrr, che prevede la sostituzione di 2.200 grandi apparecchiature, più 900 ecografi. È evidente che un piano di sostituzione basato solo sull'età anagrafica dell'apparecchiatura, senza prevedere quale uso se ne faccia, in termini di quali e quante prestazioni, è a forte rischio di inappropriatezza. L'obiettivo è arrivare ad una condivisione tra aziende produttrici e distributrici, utilizzatori ed esperti di tecnologia, di criteri che individuino quale complessità tecnologica sia davvero necessaria per produrre una determinata prestazione e quante prestazioni rendano appropriata la disponibilità di una grande apparecchiatura". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza