Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Covid: Oms, indicatori in calo, casi dimezzati in un mese

Covid: Oms, indicatori in calo, casi dimezzati in un mese

6,7 milioni di nuovi contagi e 64 mila decessi nel mondo. Attenzione su nuova variante XBF

ROMA, 16 febbraio 2023, 12:28

Redazione ANSA

ANSACheck

(Archivio) - RIPRODUZIONE RISERVATA

(Archivio) - RIPRODUZIONE RISERVATA
(Archivio) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La pandemia continua a rallentare: secondo l'ultimo aggiornamento dell'Organizzazione mondiale della Sanità, dal 16 gennaio al 12 febbraio, si sono verificati 6,7 milioni di nuovi casi e 64 mila decessi nel mondo, con un calo rispettivamente del 92% e il 47%. Sebbene la tendenza sia ormai consolidata, avverte l'Oms, i dati sui contagi sono sottostimati a causa di una riduzione nelle attività di testing. Il rallentamento è comunque confermato anche dai dati relativi ai ricoveri, in reparto e in terapia intensiva, calati rispettivamente del 53% e del 24% rispetto al mese precedente. Su scala regionale, nell'ultimo mese, il calo più importante (-96%) è stato osservato nella Regione del Pacifico Occidentale dell'Oms, che rappresenta comunque ancora l'area del mondo con il maggior numero di contagi: Giappone e Cina, da soli, sono responsabili di oltre il 40% dei casi globali (quasi 3milioni). Nella regione europea, dal 16 gennaio al 12 febbraio, si sono verificati circa 1,2 milioni di nuovi casi. Il numero più elevato è stato segnalato dalla Germania (296.686 nuovi casi), seguita dalla Russia (216.104) e dall'Italia (138.179). In calo anche il numero di decessi: 11.173, il 52% in meno rispetto al mese precedente. Il numero più alto si è registrato nel Regno Unito (2.269), seguito da Italia (1.393) e Russia (1.153). 

L'Oms ha aggiunto una nuova sotto-variante alla lista delle varianti sotto osservazione. Nel bollettino settimanale pubblicato ieri, a fianco delle sotto-varianti BF.7, BQ.1 (Cerberus), BA.2.75 (Centaurus), CH.1.1 (Orthrus), XBB (Gryphon), XBB.1.5 (Kraken), è comparsa anche XBF.
    La sotto-variante XBF non è nuova: è frutto di una ricombinazione tra BA.5.2.3 e CJ.1 e le prime sequenze sono state segnalate a fine luglio. Attualmente è stata riscontrata in 46 Paesi e rappresenta poco più dell'1% dei campioni sequenziati a livello globale, ma possiede mutazioni che possono conferirle maggiore trasmissibilità e capacità di sfuggire alla risposta immunitaria. "Al momento - dice l'Oms - non ci sono prove epidemiologiche che la sotto-variante XBF porti a un aumento dei casi, dei ricoveri o dei decessi".
    Sul fronte delle varianti, l'ultimo bollettino identifica altre nuove tendenze: si osserva un calo delle sotto-varianti discendenti da BA.5 passate dal 70,7% di fine 2022 al 42,7% di fine gennaio; stabili quelle derivanti da BA.2, mentre sono in crescita le sotto-varianti ricombinati, passate dal 10,6% al 32,7% soprattutto grazie al contributo di XBB. 1.5.

 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza