Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Aggressioni per 100% del personale in Pronto soccorso o 118

Aggressioni per 100% del personale in Pronto soccorso o 118

Simeu e Federsanità consegnano dossier a Osservatorio sicurezza

ROMA, 31 gennaio 2023, 09:37

Redazione ANSA

ANSACheck

Aggressioni per 100% del personale in Pronto soccorso o 118 - RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggressioni per 100% del personale in Pronto soccorso o 118 - RIPRODUZIONE RISERVATA
Aggressioni per 100% del personale in Pronto soccorso o 118 - RIPRODUZIONE RISERVATA

Lavorare in area emergenza urgenza aumenta di due-tre volte il rischio di aggressioni rispetto lavorare in area medica. A spiegarlo e' Maria Pia Ruggieri, Consigliere Nazionale Simeu (Società Italiana Medicina di Emergenza Urgenza) e Responsabile del progetto 'Curare la violenza' secondo la quale si può affermare che il 100% dei medici e degli infermieri che lavorano in pronto soccorso e nel 118 abbia subito almeno una volta violenza fisica o verbale, tra dichiarato e sommerso. Federsanità e Simeu hanno consegnato questa mattina all'Osservatorio Nazionale sulla Sicurezza degli Esercenti le professioni sanitarie e sociosanitarie i risultati della raccolta di buone pratiche e iniziative attuate nelle aziende sanitarie e ospedaliere in tema di prevenzione contro gli atti di violenza nelle strutture sanitarie. Sono state ben 92 le Aziende che hanno aderito alla Raccolta, provenienti da 17 regioni italiane. Quattro i punti di approfondimento: informazione efficace ai cittadini; formazione degli operatori sanitari; presa in carico dell'operatore aggredito; innovazione e organizzazione strutturale.

"Abbiamo avviato questa raccolta - ha detto Tiziana Frittelli Presidente Nazionale di Federsanità e Dg dell'AO San Giovanni Addolorata di Roma - a metà del 2022 proprio con l'obiettivo di far emergere le soluzioni più innovative già in atto. Questo permetterebbe di offrire all'Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie uno strumento documentale attuale e concreto finalizzato a programmare e promuovere azioni volte a garantire la sicurezza del personale medico-sanitario. Il lavoro che abbiamo svolto con Simeu va esattamente nella direzione tracciata dal Ministro della salute Schillaci nelle scorse settimane e auspichiamo possa dare un importante contributo rispetto alla necessità espressa dal Ministro di mappare le strutture più a rischio". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza