Covid: 45.225 casi, 43 i morti. Fiaso, aumentano i ricoveri

'Repentina inversione di tendenza +39% in una settimana'. Soprattutto anziani non vaccinati o senza 4/a dose

Redazione ANSA ROMA

Sono 45.225 i nuovi contagiati da Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 58.885), secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 43 (ieri ne erano state notificate 60). Il tasso di positività è al 20,10% (ieri al 20,1%). I tamponi molecolari e antigenici effettuati sono 224.969 rispetto ai 293.096 del giorno precedente.

Il totale dei casi di Covid rilevati dall'inizio della pandemia in Italia è di 22.648.063, come emerge dal bollettino del ministero della Salute. Sono 171 i pazienti ricoverati in terapia intensiva nel bilancio tra entrate e uscite (ieri erano 155), ovvero 16 in più, mentre gli ingressi giornalieri sono 33. I ricoverati nei reparti ordinari sono invece 5.073 (ieri erano 4.814), cioè 259 in più. Gli attualmente positivi sono 509.740. Dimessi e guariti sono 21.961.023, mentre il totale dei decessi dall'inizio della pandemia è di 177.300.

Risale la curva dei ricoveri da Covid-19 e tornano a occuparsi i posti letto Covid negli ospedali. In una settimana il numero dei pazienti ricoverati, sia nei reparti ordinari sia nelle rianimazioni, è salito infatti del 39,7%. Sono soprattutto anziani non vaccinati o senza 4/a dose. Emerge dalla rilevazione del 4 ottobre negli ospedali sentinella di Fiaso (Federazione aziende ospedaliere e sanitarie). E' una "repentina inversione di tendenza", afferma Fiaso: solo una settimana fa il numero dei ricoverati era aumentato del 5% e tutto a carico di pazienti Con Covid, in ospedale per altre patologie e trovati positivi al tampone.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA