Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Colangiocarcinoma, con nuovi farmaci speranza per il 40% dei casi

Raro e aggressivo cancro del fegato, opzioni dalla medicina di precisione

Redazione ANSA ROMA

Diagnosi tardive e limitate opzioni terapeutiche. Sono questi i due principali bisogni insoddisfatti degli oltre 5.000 pazienti che in Italia ricevono una diagnosi di colangiocarcinoma. Si tratta di una forma rara e aggressiva di tumore al fegato dall'aspettativa di vita molto bassa. Negli ultimi anni diversi passi in avanti sono stati compiuti ed è fondamentale garantire a tutti le nuove opportunità di cura, non rinunciando a trattare anche gli stadi più avanzati della malattia. È ora, infatti, possibile allungare la vita e guadagnare in termini di qualità della stessa. Merito soprattutto della medicina di precisione che fornisce finalmente una nuova speranza al 40% circa dei pazienti che presentano alterazioni geniche che rispondono ad alcuni farmaci. È quanto emerge dal Meeting 'Gli unmet need dei pazienti con colangiocarcinoma in Italia' realizzato da Isheo, con il patrocinio dell'Associazione Pazienti Italiani Colangiocarcinoma (Apic) e della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (Favo) e con il supporto non condizionante di Gruppo Servier in Italia.

Negli ultimi mesi Isheo ha condotto un'analisi intervistando medici oncologi e pazienti del nostro Paese. Da questo è nato un Report, che viene presentato nel corso dell'evento. "Il colangiocarcinoma è una patologia che viene spesso diagnosticata quando già in fase avanzata. - sottolinea Carmine Pinto, direttore della struttura complessa di Oncologia medica dell'Ausl-Irccs di Reggio Emilia, Istituto di Tecnologie Avanzate e Modelli Assistenziali in Oncologia - solo il 35% dei pazienti che ne ricevono diagnosi, infatti, risulta operabile e di questi, circa il 60% tende a subire ricadute. Gli attuali dati mostrano come la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi sia rispettivamente del 17% per gli uomini e del 15% per le donne. Su questi numeri potrà intervenire l'introduzione di nuove opzioni di trattamento, come le terapie a target molecolare, un'importante opportunità terapeutica per quelle condizioni in cui il tumore risulti inoperabile, o si presentino ricadute o metastasi. Un aspetto chiave è, quindi, la necessità dell'introduzione dal principio dell'esecuzione dei test Ngs poiché il fattore tempo gioca un ruolo cruciale". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA