Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Senza contraccettivi 160 milioni di donne nel mondo

Senza contraccettivi 160 milioni di donne nel mondo

Più difficoltà in Africa e Asia meridionale e per le giovani

ROMA, 18 maggio 2023, 10:13

Federica Di Carlo

ANSACheck

Usa © ANSA/AFP

Usa © ANSA/AFP
Usa © ANSA/AFP

   A livello globale è cresciuto negli ultimi 50 anni l'utilizzo dei metodi contraccettivi, ma sono ancora oltre 160 milioni le donne nel mondo che non hanno accesso ai farmaci e ai presidi necessari per evitare una gravidanza indesiderata. Quelle che incontrano maggiori difficoltà sono le donne più giovani e quelle che vivono nell'Africa subsahariana e nell'Asia meridionale. Ad affermarlo è uno studio internazionale coordinato dalla University of Washington a Seattle e pubblicato sulla rivista The Lancet.
    Dall'indagine emerge che la quota di donne in età riproduttiva che utilizza metodi anticoncezionali moderni - ovvero farmaci e presidi - è cresciuta dal 28% del 1970 al 48% del 2019. E mentre nel 1970 più di una donna su 2 che voleva accedere alla contraccezione non trovava risposta, oggi la percentuale è scesa al 21%.
    Nonostante questo trend positivo, sono state 163 milioni le donne che nel 2019 non hanno avuto accesso alla contraccezione su un totale di 1 miliardo e 200mila che dichiaravano di averne bisogno.
    Lo studio rileva inoltre che le donne nelle fasce di età comprese tra 15 e 19 anni e tra 20 e 24 anni avevano i tassi più bassi di domanda soddisfatta a livello globale, rispettivamente al 65% e al 72%. In pratica 43 milioni di giovani donne e adolescenti nel 2019 non hanno avuto accesso ai contraccettivi di cui avevano bisogno.
    "È importante sottolineare che queste donne traggono vantaggi dall'uso di contraccettivi, poiché ritardare la nascita di figli può aiutarle a rimanere a scuola e ad accedere al mondo del lavoro", ha evidenziato Annie Haakenstad, della University of Washington. "Questo - ha aggiunto - può portare a benefici sociali ed economici che durano per tutta la vita ed è un fattore essenziale per una maggiore equità di genere", I tipi di metodi contraccettivi inoltre variano in base all'area geografica. I metodi più usati in America Latina e nei Caraibi sono stati la sterilizzazione femminile e i contraccettivi orali; la pillola anticoncezionale orale e i preservativi sono i più usati nei Paesi ad alto reddito. Lo Iud (la spirale) e i preservativi sono stati i metodi più utilizzati in Europa centrale, Europa orientale e Asia centrale, mentre la sterilizzazione femminile ha rappresentato oltre la metà dell'uso complessivo dei metodi contraccettivi nell'Asia meridionale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza